Come si progetta una digital strategy?

Dei semplici consigli per utilizzare ogni strumento di web marketing nel modo giusto

Rosanna Crocco

Junior Marketing Manager

Quando parliamo di Digital Strategy un aspetto fondamentale è il contenuto. Ma, non bisogna mai dimenticare che il contenuto utilizzato per le email non può essere identico a quello utilizzato sui diversi social network, né tantomeno uguale a quello del sito web.

Il linguaggio usato, il modo attraverso il quale vengono fornite le informazioni, la lunghezza del testo etc. sono variabili da non sottovalutare.
Mi sembra, quindi, ovvio che non puoi utilizzare lo stesso testo di un blog per un post Facebook o un Tweet.

Ecco, allora, dei semplici consigli che ti aiuteranno ad adattare i contenuti allo strumento di digital marketing che vuoi utilizzare.

Email Marketing

Se vuoi fare marketing utilizzando la posta elettronica, devi creare dei messaggi: chiari, concisi, accattivanti e di forte impatto. Gli ingredienti più preziosi sono: una buona call to action e la capacità di stimolare un immaginario avvincente.

L’email marketing è uno strumento molto potente per migliorare il rapporto con il cliente, incrementare le vendite ed ottimizzare i processi del servizio, ma bisogna utilizzarlo nel modo giusto.

Newsletter

Per generare più lead e revenue, con la newsletter, è necessario migliorare il copy. E come si fa? Per  una newsletter efficace bisogna dividere il testo in sezioni, scrivere frasi brevi, non dimenticando la call to action, che deve essere chiara e ben concentrata sui benefici.

Quante volte trovi, nella tua casella di posta, newsletters che non hanno nulla di tutto ciò? Io, purtroppo tante! Gli elementi del testo che non possono mancare sono: l’informazione, la creatività, e l’educazione.

Blog

Il blog è un ulteriore canale di marketing che aiuta il tuo business a crescere; infatti, portando traffico al tuo blog, inevitabilmente, incrementerai le possibilità di vendita.

Ogni blog deve basarsi su una storia, deve avere personalità e creare engagement. Importante è includere le fonti, link di altri post, parole chiave, permettendo, quindi, agli utenti di interrogarsi sull’argomento.

Facebook

Attualmente è davvero impensabile che una azienda, anche di piccole dimensioni, non sia presente su Facebook, tuttavia non basta esserci. Scrivere un post su Facebook sembra semplice, ma spesso non lo è. Bisogna essere brevi, indurre alla conversazione ed alla condivisione.

Puoi condividere tante cose, ma attenzione i post devono essere coerenti ed accattivanti: se produci pasta perché pubblichi un post sull’ultimo Apple Watch?
Un buon post Facebook include: domande, ask to action ( clicca mi piace se sei d’accordo), immagini, link, video ed emoticons (che però vanno usati con cautela).

Twitter

Sii breve, amichevole ma, con personalità. Cerca di inviare i tweet quando i tuoi follower sono online, per non vanificare i tuoi sforzi, rendendo così  efficace ogni cinguettio. Inoltre, ricorda, sempre, che ci sono dei fattori che non vanno dimenticati, come: link, hashtags, retweets e domande.

Instagram

Il social network che registra il maggior coinvolgimento del pubblico è senza dubbio Instagram. Non esiste un business non adatto ad aprire su Instagram, bisogna solo scegliere con attenzione cosa e come postare.

Come si progetta una digital strategy?

Anche in questo caso i punti fondamentali sono: essere concisi, usare hashtags rilevanti, definire il contesto e “taggare” la location.

Pinterest

Pinterest  è praticamente lo strumento più adatto per le aziende, devi però imparare a conoscere il tuo pubblico. I messaggi su Pinterest oltre ad essere friendly e descrittivi, devono includere: un titolo ed una call to action forte.

Linkedin

Su Linkedin bisogna essere professionali, quindi mai pubblicare su un portale professionale i gattini che condividiamo su Facebook. I messaggi che invii su Linkedin devono esseri seri, includere dei link e delle domande attinenti al tema.

Come si progetta una digital strategy?

In questo modo riuscirai a dare un immagine fedele al brand e coinvolgerai in maniera positiva gli utenti.

Website

Infine, analizziamo il sito web, che deve essere perfetto da ogni punto di vista. Un buon sito web è chiaro, fornisce informazioni ed è orientato ai contatti ed ai clienti. Importanti sono:  la call to action, i link e le keywords.



VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Scritto da

Rosanna Crocco

Junior Marketing Manager

Classe 1987; cresce ad Acri, un paesino in provincia di Cosenza. Una Laurea in Economia Aziendale ed un Master in Marketing Management le permettono di studiare ed approfondire ... continua

Condividi questo articolo


Segui Umeka su Twitter .

Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it