Instagram rende disponibili le API per l'advertising [BREAKING NEWS]

Il CEO di Instagram Kevin Systrom annuncia un passo significativo per le sorti del social network di condivisione istantanea di immagini: sono disponibili le API Advertising

I social media, Facebook a parte, non godono di bilanci esattamente “sani”. Fatturano molto, ma hanno anche dei costi di gestione enormi. Ecco che l’ancora di salvezza, ancora una volta, si chiama advertising.

Zuckerberg ha cercato fin da subito di trasformare Instagram in uno strumento di marketing potente, e che riuscisse ad aumentare in maniera considerevole i propri ricavi. Le prime mosse sono state l’introduzione di shopping links, come i famosi “acquista ora” e “scopri di più” (strumenti attivi in USA), le ADS che arriveranno presto anche in Italia, e alcuni altri tool utilissimi per il targeting nella condivisione delle fotografie.

LEGGI ANCHE: Instagram: arriva il servizio ADS anche in Italia.

Oggi il CEO di Instagram Kevin Systrom annuncia un passo significativo per le sorti del social network di condivisione istantanea di immagini: sono disponibili le API Advertising.

Le API permettono di espandere le funzionalità di un programma, e metterle a disposizione significa dare la possibilità ad altri di interagire con la piattaforma e, soprattutto, estendere le funzioni e le caratteristiche della struttura base.

Dunque ora i marketer potranno acquistare spazi pubblicitari all’interno di Instagram, pianificando le proprie strategie affiancandole così a quelle di Facebook.

Analisti e ricercatori sono estremamente fiduciosi circa la possibilità per Instagram di diventare, grazie a questa mossa, un colosso del business pubblicitario.

EMarketer prevede un ammontare di 595 milioni di dollari in introiti pubblicitari quest’anno, ed entro il 2017 Instagram sarà sulla buona strada per superare Google e Twitter in termini di ricavi da annunci su display mobile. Il mese scorso, gli analisti di Bank of America Merrill Lynch hanno previsto una crescita dei ricavi pubblicitari di Instagram tale da poter raggiungere il miliardo di dollari nel 2017, salendo a fino a 3,86 miliardi di dollari entro il 2020.

L’API Instagram ADV “è uno dei momenti più attesi nell’evoluzione della pubblicità” – scrive Hootsuite, uno dei partner di API Instagram ADV, in un comunicato stampa – “tale integrazione renderà il lavoro dei social media manager e marketer più efficace in quanto non dovranno più muoversi tra il telefono e il computer per tenere traccia di tutti gli aspetti di una campagna sui social media, ma tutto sarà convogliato in un’unica piattaforma”.

I partner annunciati finora di API Instagram ADV includono alcuni dei maggiori partner commerciali di Facebook: Hootsuite, Kenshoo, Brand Networks, Salesforce Marketing Cloud, Unified, SocialCode, 4C, Nanigans, e Ampush.

LEGGI ANCHE: Instagram, arriva la ricerca via desktop: alcuni motivi per sfruttarla.

Fino a questo momento, creare annunci pubblicitari su Instagram è stato un privilegio esclusivo dei cosiddetti big spender, un po’ come quelli che ancora oggi su Facebook possono permettersi di sforare in tranquillità il 20% di testo nelle immagini sponsorizzate. It was all about money. Da oggi it’s about money and API Instagram ADV.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?