Vervid, l'app che preferisce i video verticali

Una piattaforma in cui condividere e creare video HD nel modo in cui naturalmente teniamo il nostro smartphone: in verticale

vervid-app-video-verticali

In questi giorni Youtube ha annunciato un piccolo ma significativo aggiornamento: l’ottimizzazione per gli schermi mobile dei video verticali. Avete presente quanti video girati da smartphone visualizzate su Youtube con delle fastidiose bande nere laterali? Ora potrete vederli a schermo intero se li guardate da mobile.

LEGGI ANCHE: Youtube sempre più mobile, nuova navigazioni, nuovi tool

Pochi giorni prima di questo update, è stata lanciata su App Store Vervid, l’app per iOS che funge da piattaforma di raccolta video, realizzati in formato verticale.

Nonostante la sua funzione, Vervid non teme l’update di Youtube e ora che la conoscerete meglio, capirete anche perché! L’idea nasce da John Whaley (ricercatore e industrial designer) e suo marito Daniel Proksch, entrambi co-fondatori, i quali hanno riscontrato come il 90% delle volte che utilizziamo lo smartphone lo facciamo in posizione verticale. Questo fa si che anche quando vogliamo realizzare un video siamo portati, per abitudine, a farlo tenendo il dispositivo nella sua posizione nativa (verticale).

La cura contro la sindrome orizzontale

La preferenza dominante per il video orizzontale deriva dagli schermi televisivi e cinematografici. Costruiti come un riflesso dei nostri occhi, essi offrono un campo visivo orizzontale più ampio (circa 180 gradi) rispetto a quello verticale (circa 135 gradi). È a partire da questo presupposto che fino a poco tempo fa le principali piattaforme video sono state realizzate per supportare un formato esclusivamente orizzontale.

Con l’introduzione di nuovi strumenti quali Periscope, Snapchat e Meerkat, dove i video verticali sono diventati la norma, la situazione inizia a cambiare. I video vengono sempre più realizzati attraverso l’uso di smartphone e da essi condivisi per cui tutti, anche le grandi agenzie di pubblicità, si rendono conto che è arrivato il momento di prendere sul serio il video in formato verticale.

Uno spazio dedicato ai video verticali

L’intento è semplice: creare uno spazio progettato esclusivamente attorno al video verticale, così come hanno fatto Instagram e Vineper il formato quadrato. L’applicazione consentirà agli utenti di:

  •  caricare video dal loro rullino fotografico;
  • formare un video unendo brevi clip per la durata massima di cinque minuti;
  • convertire i video orizzontali in verticali mantenendo lo schermo intero e molto altro ancora.

Attualmente l’applicazione è stata progettata solo per dispositivi iOS ma, come dichiarano Whaley e Proksch, il passo successivo sarà quello di costruire anche una versione Android, affinché questa “rivoluzione verticale” possa prendere realmente piede. Anche il design e la user experience dell’app è pensata in funzione dei video verticali: infatti i video si scorrono da sinistra verso destra e non dall’alto in basso. Vervid, dunque, non si limita ad offrire ai propri utenti uno spazio nuovo in cui poter condividere i propri contenuti video in versione verticale, il suo intento è superiore.

Ciò a cui aspira l’app è un cambiamento comportamentale finalizzato a sradicare la classica convenzione di vedere i video orizzontali  per utilizzare in egual misura sia lo standard orizzontale che quello verticale. Tutto ciò dovrà incentivare, di conseguenza, un’evoluzione futura delle piattaforme video tali da poter accogliere entrambi i formati. Che dite? Cambierete idea sui video verticali?

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?