Migliorare la produttività: sei consigli per chi lavora sul web

Che sia questo il momento più difficile dell’anno per chi lavora nel web? Sia tu sia un Social Media Manager, un Web Content Producer, un Community Manager o svolga una delle tante altre professioni legate al mondo del World Wide Web, in questi giorni starai combattendo la tua personale sfida contro il caldo! Se sei fortunato, lavori in ambienti con aria condizionata (sempre che tu non sia incline al raffreddore!). Se non lo sei, ti sarai di certo abituato a gocciolare come un rubinetto chiuso male e alle ventole impazzite dei tuoi devices.

Per non parlare delle vacanze! Se le farai in agosto, i giorni non sembrano passare mai, se le hai già fatte… Beh, se le ha già fatte, ti siamo vicini!

È per questo che diventa fondamentale escogitare dei trucchi “psicologici” per sopravvivere nel selvaggio Internet!

Grazie a Mashable, ve ne proponiamo 6:

1. Trasforma il controllo delle mail in un gioco

Secondo uno studio statunitense, passiamo il 28% del tempo lavorativo giornaliero a controllare le mail.

George Kao, Coach Marketing, suggerisce di controllare la posta una volta sola al giorno e di ripetere “La prossima!” a ogni mail letta, archiviata o eliminata.

In questo modo riuscirai a tenere in ordine la tua casella di posta ed eviterai che s’intasi di centinaia di mail da leggere.

Ci sentiamo di modificare questo consiglio in minima parte: se non puoi controllare la posta una sola volta al giorno, fallo una volta all’ora e quando lo fai, fai solo quello, leggendo e rispondendo a tutti.

Una mail alla volta e non ne rimarrà una!

2. Permettiti di sognare un po’

Ci hanno cresciuto dicendoci che chi sogna, è poco concreto.

A volte però, lasciarsi trasportare dalla fantasia può darci una mano!

Uno studio di qualche anno fa sosteneva che se al cervello viene concesso di vagare, proporrà più facilmente le idee giuste che stai cercando per il tuo business.

Largo ai sognatori, dunque!

3. Parla ad alta voce

Lo sappiamo, fa un po’ matto (e fa subito pensare a Tom Hanks e al suo amico Wilson in Cast Away).

Parlare ad alta voce però, puoi aiutare a fare più chiarezza nel mare di compiti che si affollano e si sovrappongono continuamente (se sei appassionato al tema, leggi questo abstract).

Se stai vivendo un attimo di panico, tranquillizzati parlandoti con la massima calma: “Cos’è che dovevo fare? Ah, sì: programmare un post per l’evento di domani!”

Consiglio aggiuntivo: prima di lanciarsi in in lunghi monologhi con se stessi, verificare che al collega di scrivania non dia fastidio!

4. Dai scadenze giornaliere ai tuoi obiettivi e consegne

Alcuni ricercatori hanno scoperto che trasformare obiettivi e scadenze dal lungo periodo a uno più breve, può aiutarti a essere più reattivo sulle attività da iniziare e su quelle da portare a termine (leggi di questa ricerca su The Atlantic).

Dire a se stessi “Ma sì, tanto la scadenza per quel progetto è a settembre!” e rimandare gli inizi dei lavori, ti porterà al 31 agosto con un’ansia folle. Lo dicevano anche i nostri nonni: non rimandare a domani, quel che può essere fatto oggi!

5. La natura aiuta a svolgere meglio il tuo lavoro

Una ricerca australiana del 2014 afferma che traiamo beneficio dall’osservazione della natura.

Trova il tempo di staccare gli occhi dallo schermo e falli vagare in cerca di qualche angolo verde (siamo in Italia, il verde non manca!).

Se ti concedi questo svago per 40 secondi, tornerai sui tuoi compiti con più concentrazione.

Ah, il capogruppo di questa ricerca, dice che anche una fotografia può andar bene (anche se, in questo caso, crediamo siano necessari più di 40 secondi e forse il beneficio sarà minore!)

6. Verifica in continuazione la tua produttività 

Come valuteresti il tuo operato, se non fosse il tuo? Stai lavorando bene o sai che avresti potuto dare di più?

Secondo Forbes, porsi queste domande ogni ora, ti aiuterà a mettere in pausa e poi riprendere con maggior entusiasmo il tuo lavoro giornaliero. Ricorda: se non ne sei convinto tu, difficilmente lo saranno gli altri!

Cosa ne pensi di questi consigli?

Ne hai altri da aggiungere?

Scrivili nei commenti e… buon lavoro!



VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?