Louis Richardson di IBM ci parla di digital disruption e social smarter work [INTERVISTA]

"Questo è il mio lavoro. Io racconto storie e raccolgo storie"

Louis Richardson

Louis Richardson è Storyteller & Enthusiast per IBM Worldwide e il suo compito è quello di “fare la magia”, parole sue. Lo abbiamo conosciuto al Social Business Forum, dove ha parlato di disruption e processi di lavoro.

La mia prima domanda è: qual è il tuo lavoro?

[NdR Louis ha posto questa domanda al pubblico del SBF15]

Il mio lavoro, come lo spiego a mio nipote di 5 anni, è quello di fare la magia. Questo è ciò che faccio. In realtà il titolo di  Storyteller & Enthusiast è legato al social smarter work.

Spendo molto tempo con le persone a discutere delle sfide sul posto di lavoro, delle cose che facciamo in ufficio tutti i giorni, dei motivi per cui le facciamo e di modi creativi per farle in modo diverso.

Questo è il mio lavoro. Io racconto storie e raccolgo storie.

Mi hai incuriosita, qual è la prima cosa che fai quando arrivi a lavoro?

La cosa interessante è che non vado in un ufficio. Lavoro da casa, viaggio un po’ e quando si parla di equilibrio tra vita professionale e lavorativa rispondo solo che io ho una vita e durante la mia vita, a volte lavoro.

Quindi è davvero difficile decidere qual è la prima cosa che faccio, entro in modalità di lavoro già quando mi sveglio perché penso a cosa devo fare, a nuovi argomenti di cui parlare, a nuove storie che ho sentito. Quando effettivamente mi metto a lavoro, quando apro computer, iPhone o iPad, la prima cosa che faccio è dare un’occhiata ai miei social network. Cosa c’è di importante, cosa sta sta succedendo, che cosa mi sono perso?

Sono globale, ascolto quello che avete fatto, perché voi europei siete svegli già da sei ore e avete già fatto un sacco di cose interessanti, così quando mi sveglio cerco di recuperare il gap. Questa è la mia prima parte della giornata è: recuperare sui social media.

Diciamo che ho appena iniziato un nuovo lavoro. Sono confuso e sto cercando di capire quello che sto facendo. Che consiglio mi puoi dare?

Se fossi in IBM – perché posso parlare solo di IBM – saresti già connessa a qualcuno che fa il tuo lavoro o un lavoro come il tuo. Ti avremmo inserito in un social network ancora prima ancora di entrare in IBM.

Abbiamo una community che si chiama Soon to be blue. Una volta che ti mostri interessato a IBM, ancora prima di ottenere il lavoro e compilare i documenti, ti inseriamo in una community dove puoi incontrare persone come te, che stanno per iniziare un lavoro, così puoi iniziare a conoscere l’azienda e fare domande a mentori dentro l’azienda.

Poi, quando sei assunto, entri in una community che si chiama New to blue, per i nuovi dipendenti, dove puoi interagire con altre persone come te. Così la maggior parte delle persone che arrivano in IBM non pongono la domanda che mi hai appena chiesto perché è giù stata data una risposta a quella domanda. I nuovi dipendenti già sanno chi è come loro, chi sta facendo ciò che anche loro stanno facendo e chi sta facendo le cose a cui loro sono interessati. Hanno già costruito una rete prima di salire a bordo.

Durante il tuo intervento al SBF15, hai detto che le tempeste sono opportunità. Questo è un interessante punto di vista, puoi approfondirlo?

Ho parlato di tempeste perché le tempeste sono distruttive in ​​natura. Sono molto potenti, ma sono di solito sono un risultato di forze provenienti insieme dallo stesso posto, contemporaneamente. La mia discussione è stata intorno alla tecnologia come forza e alla cultura come una forza.

In passato era la tecnologia a guidare la cultura, e ora abbiamo la cultura che guida la tecnologia, quindi siamo in un momento caotico, complesso e confuso. La tecnologia può portare in realtà un po’ di chiarezza in questo caos e rendere le cose più vantaggiose e connesse.

La maggior parte delle persone scappa dalle tempeste, credo che questa sia una tempesta che dobbiamo abbracciare e riconoscere che sta accadendo. Non dobbiamo chiudere le persiane e barrare le porte, cercando di impedire che accada. Sta per accadere. Divertiti.