Ballroom 2015 per gli Internazionali BNL Italia: analisi dell'evento digitale

Il QR code non è morto. Viva, viva il QR code!

ballroom_2015_internazionali_di_tennis_bnl

Metti un evento sportivo  di portata mondiale come quello degli Internazionali BNL, tenutosi dal 7 al 17 maggio a Roma, al Foro Italico. Metti il connubio tra la musica più vibrante dei dj più noti a livelli internazionale e l’idillio artistico con l’arte urbana. Metti un contesto reale che non può più fare a meno di quello digitale e pare proprio che il successo, se non altro in termini di risonanza e visibilità, per i più pignoli, di reach e di brand awareness, sia garantito.

LEGGI ANCHE: Perché tutti parlano degli Yuccies?

Per il secondo anno consecutivo, a Justbit, la digital factory italiana, in collaborazione con Tramp,  è stato affidato l’incarico di gestire l’evento per la parte digital e social. Squadra che vince, non si cambia, verrebbe da dire. Anche per l’edizione 2015 infatti, l’agenzia ha gestito la manifestazione attraverso il format interattivo di entertainment Ballroom dedicato alla musica e all’arte, sviluppando un sito, una app ,”Internazionali Ballroom” gratuita per i dispositivi Android e iOS e il Social Wall, una bacheca virtuale da cui poter seguire live l’evento.

Infografica sulle performance digitali dell’evento

ballroom15_infografica

 

QR Code e tecnologia NFC

Come si evince dall’infografica, un dato inaspettato sicuramente riguarda il successo del QR code, che forse qualcuno aveva dato per morto, all’interno delle strategie di comunicazione. Invece, le evidenze dimostrano il contrario. Sarà che di code e file interminabili gli italiani non ne hanno proprio voglia, sarà che siamo tutti diventati più smanettoni, ma su 28.000 registrati sul sito o dalla app che hanno ricevuto il pass digitale, ben 10.000 hanno avuto accesso attraverso questo codice identificativo.

Grazie alla tecnologia NFC integrata sui braccialetti elettronici gli influencer e i vincitori del concorso Ballroom 2015 (che prevedeva un istant win al quiz o allo scatto della foto brandizzata da app) hanno varcato gli ingressi avvicinando il bracciale agli appositi dispositivi di tracciamento. Oltre 2.500 gli accessi registrati.

ballroom_internazionali_tennis

 

La app e il sito

Si stimano ben 7.500 download dell’app nata per l’evento. Attraverso questo mezzo gli utenti hanno consultato il programma della manifestazione e hanno partecipato al concorso Ballroom, che tra i premi prevedeva la vincita dei biglietti della semifinale e finale degli Internazionali BNL.

85.726 utenti unici hanno visitato il sito per tutta la durata della manifestazione. Smartphone e tablet si confermano i dispositivi più utilizzati (71%) attraverso cui gli utenti hanno avuto accesso al sito. Oltre 11.000 le sessioni registrate nel solo giorno di apertura!

ballroom_app_sito_2015

I social network: Facebook e Twitter

Occhi puntati sulla fanpage dedicata: nel giro di breve, si sono contati 7.000 fan iscritti alla pagina social. L’account Twitter ha registrato in un mese 1.300 follower.

Chi non ha potuto essere presente alla manifestazione è riuscito a seguire comunque l’evento grazie ai due hashtag #ibi15 e #ballroom15. Infatti, attraverso il Social Wall, i fan si sono scatenati in un tripudio di foto e commenti dei loro beniamini costruendo in real time la cronaca degli Internazionali e catturando gli scatti più emozionanti delle serate musicali.

ballroom_2015

Tutto questo conversare ha prodotto, numeri alla mano, 4.758.571 impression complessive su Facebook e almeno 56.800 visualizzazioni sull’account ufficiale Twitter. Un 30% di traffico al sito è stato generato proprio delle attività di ingaggio sui social e dalle attività di promozione.

L’edizione 2015 di Ballroom ha replicato il successo della scorsa edizione, memorabile anche perché nel 2014  la piattaforma si è aggiudicato il riconoscimento “Best Fan Experience” da parte dell’ATP Awards di Montecarlo. Quando si dice event marketing…

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Scritto da

Emanuela Goldoni

Nasce nel cuore dell'Emilia, a Mirandola, per intenderci, la città del filosofo Pico della Mirandola. Per metà è partenopea, ma di mediterraneo ha preso solo il senso ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Kora-Bakeri .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it