10 bugie che i graphic designer raccontano ai loro clienti

Graphic designer a raccolta: confessate anche voi le vostre #designersLies

Richieste di loghi abnormi, invii di immagini in word, urgenze delle 17:59 di venerdì e molto, molto altro ancora: i clienti sanno bene come rendere difficile la vita dei graphic designer.

Credo lo possiedano nel DNA e non mi stupirei se esistesse un’accademia per i clienti alle prime armi che devono imparare come generare ogni giorno richieste assurde da sottoporre ai graphic designer (compito difficilissimo che richiede un talento davvero raro!).

Scherzi a parte, ormai i poveri clienti sono presi di mira e resi oggetto dei più disparati meme o resoconti bizzarri. Ma siamo sicuri che i graphic designer abbiano la coscienza così pulita? Che non cedano anche loro al lato oscuro della forza, ogni tanto, bersagliando proprio i tanto bistrattati clienti?

La risposta arriva dalla nuova serie dedicata al fantastico mondo dei creativi: le bugie che i graphic designer raccontano ai loro clienti! Scoprile tutte su Creative Market e segnala la tua confessione con l’hashtag #designersLies.

LEGGI ANCHE: Web designer: anatomia dei clienti peggiori [INFOGRAFICA]

1. Il tuo sito attuale è abbastanza buono ma bisogna lavorarci un po’.

La verità: “Oddio, i miei occhi, i miei occhi!”

2. Il logo si basa su una geometria circolare per un maggiore equilibrio estetico.

La verità: “Questo trucco impressiona sempre i clienti.”

3. Qui ci sono alcuni lavori fatti per Nike, Ford e Coca Cola.

La verità: “È tutto lavoro non ufficiale realizzato all’università.”

4. Siamo una prestigiosa web agency.

La verità: “Siamo solo io e il mio pc, a casa, in mutande.”

5. Hai ragione, sembra molto meglio così.

La verità: “L’hai totalmente rovinato ma hey, sono i tuoi soldi.”

6. Hai sempre la massima priorità!

La verità: “Proprio dopo tutti i miei buoni clienti.”

7. Il mio fax non funziona, posso spedirtelo via email?

La verità: “Stai scherzando? Che anno è questo? Chi possiede un fax oggigiorno?”

8. Sto caricando il design ultimato proprio adesso.

La verità: “Sono in ritardo e sto finendo di fretta mentre parliamo.”

9. Sono stato sveglio tutta la notte a lavorare sul progetto.

La verità: “Ho buttato tutto giù alle 3 di notte dopo una maratona di Breaking Bad.”

10. Ho usato il rosso per trasmettere un senso di passione e intensità.

La verità: “Il rosso è il colore di default dello sfondo in Photoshop.”

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?