Tooso, la startup protagonista alla Rise di Hong Kong 2015 [INTERVISTA]

"TechCrunch stima che il mercato eCommerce solo in Cina varrà 1 trilione entro il 2019" - Team Tooso


Non farti ingannare dall’origine giapponese del termine (toosu = congiungere due punti con una linea), Tooso è una startup rigorosamente Made in Italy, nata dall’idea di cinque ragazzi: Ciro Greco, Jacopo Tagliabue, Jacopo Romagnolo, Andrea Orioli, Mattia Pavoni che all’inizio del 2015 decidono di lanciarsi nel mondo delle startup tecnologiche.

Tooso è un motore di ricerca per la ricerca on-site dei siti eCommerce basato su una tecnologia inedita di processazione del linguaggio.

L’obiettivo è quello migliorare l’efficienza della barra di ricerca di questi siti, permettendo agli utenti di trovare esattamente ciò che stanno cercando e ai gestori del sito in questione di ottenere una maggiore tracciabilità delle ricerche attraverso l’elaborazione di analytics e report puntuali.

Abbiamo intervistato i ragazzi fondatori per capire meglio Tooso, l’idea di business alla base, e cosa significa essere scelti per partecipare alla RISE di Hong Kong a pochi mesi dal lancio ufficiale (giugno 2015).

Tooso, cosa significa? In che modo integra le piattaforme di eCommerce?

Il nome Tooso viene da una parola Giapponese ‘toosu’ (とおす) che significa “congiungere due punti con una linea“, che per noi significa che possiamo congiungere un parola o una ricerca con il suo esatto riferimento in un database.

L’idea di Tooso è duplice: da un lato, volevamo uno strumento di ricerca più ‘umano’, che andasse incontro al modo in cui le persone cercano le informazioni e non il contrario.

Volevamo consentire alle persone di cercare quel che vogliono nel modo più naturale possibile: usando la loro lingua. Dall’altro, volevamo mettere insieme tutte quelle realtà che oggi vivono sul web e contribuiscono al suo sviluppo, ma che non sono dei giganti, come Amazon o eBay, per dare loro la possibilità di avere uno strumento avanzato senza barriere all’ingresso, né economiche né tecnologiche.

A livello di architettura, Tooso è sempre fornito come servizio dal nostro cloud. Interagire con le sue funzionalità è quindi semplice come integrare delle API standard o, per alcune piattaforme (come Magento, altre in arrivo), installare gratuitamente il plugin apposito, che si prende cura di tutta l’integrazione.

Per monitorare Tooso e accedere a tutti gli analytics sulla ricerca che il sistema fornisce il cliente ha a disposizione nel cloud una dashboard privata. Ricerca intelligente ed efficiente per tutti!

LEGGI ANCHE: Tannico.it e Shoppable.it, le startup da 1 milione di euro [INTERVISTA]

Qual è il vostro business model e quali i vostri obiettivi?

Gli utenti che usano la barra di ricerca hanno un conversion rate impressionante: da 2 a 11 volte quello medio.

Eppure la maggior parte dei siti eCommerce non offre uno strumento di ricerca soddisfacente, perdendo soldi e informazioni importantissime per creare strategie di business informate e basate sui dati reali. Tooso offre una ricerca avanzata e analytics dettagliati, che non possono essere ricavati con gli strumenti esistenti.

L’obiettivo primario è fornire tutto questo a qualunque realtà eCommerce, non importa se grande o piccola, se basata su una piattaforma standard o su un custom stack. Per questo Tooso è offerto con un modello di pricing Freemium: ogni eCommerce può permettersi Tooso e ottenere uno strumento di ricerca avanzato facilmente.

Per ora, abbiamo un programma early adopters in cui offriamo Tooso a condizioni speciali e diamo aiuto per l’integrazione e la customizzazione.

Cosa significa per una startup la partecipazione alla RISE di Hong Kong?

La Rise di Hong Kong è il primo evento per il mercato asiatico parallelo al Web Summit di Dublino e alla Collision Conference di Las Vegas, due eventi che Forbes descrive come “the best technology conferences on the planet”.

È un’occasione straordinaria di presentare Tooso per eCommerce e per fare conoscere un prodotto nuovo e – noi crediamo – molto diverso da tutto ciò che c’è ora sul mercato. Per di più ad un mercato in espansione esponenziale come quello asiatico: TechCrunch stima che il mercato eCommerce solo in Cina varrà 1 trilione entro il 2019. Se non è un’opportunità questa.