Le 9 regole di Nancy Duarte per presentare un'idea

Che tu sia un esperto o un principiante, se non conosci Nancy Duarte, tutto quello che conosci sul presentare un??idea sta per cambiare per sempre

Andrea Favarin

Unconventional communication strategist

“Per me le presentazioni sono il mezzo più potente. Non si può nominare un movimento che non abbia avuto inizio con la parola parlata.”
Nancy Duarte

Se devi presentare un prodotto la prima cosa che fai è aprire Power Point buttandoci dentro tutto quello che devi dire? O sei un esperto che ha fatto migliaia di presentazioni aziendali e sul palco ti senti a casa?

Che tu sia un esperto o un principiante, se non conosci Nancy Duarte e il suo libro Resonate, tutto quello che conosci sul presentare un’idea sta per cambiare per sempre. La firma più grande della Silicon Valley ha reso le presentazioni una scienza. Da Martin Luther King a Mozart, da Steve Jobs a Martha Graham, non c’è forma comunicativa che non sia stata studiata per estrarne una precisa struttura, ed ecco le sue 9 regole d’oro:

1. Entrare in risonanza crea cambiamento

Che tu venda un prodotto, un’idea o un brand il tuo obiettivo è creare cambiamento e l’adozione del tuo messaggio. Se elenchi caratteristiche e fatti, la presentazione sarà noiosa. Sono le emozioni che creano risonanza.

# Quale cambiamento vuoi creare?

2. Incorporare una storia ha effetti esponenziali sul risultato

Non descrivere il prodotto o servizio ma crea desiderio e mostra come la tua idea riempie quel desidero. Questo farà vedere al pubblico dalla tua prospettiva. Questa è l’anima delle storie.

# Qual è la tua storia?

3. Se ti sintonizzi sulla frequenza di risonanza del pubblico, il pubblico risponderà

Tu non sei l’eroe, né lo è il tuo prodotto o servizio. Il pubblico è l’eroe e tu sei il mentore. Se non conosci il tuo audience e non crei il tuo discorso per quell’audience non ci sarà risonanza né cambiamento, il tuo messaggio non arriverà.

# Chi è il tuo target?

4. Il target resterà dov’è finché non sarà costretto a cambiare

Devi veicolare la tua idea, spiegare chiaramente cosa succederà se si adotta o non si adotta il tuo punto di vista: rischi e benefici. Il tuo compito è persuadere l’audience a lasciare le sue vecchie convinzioni e abitudini per adottane di nuove.

# Quale rischio corre il tuo target se non adotta il tuo punto di vista?

5. Taglia via tutte le frequenze che non sono quella di risonanza

Spesso le presentazioni sono colme di dati. Bilanci, costi, dettagli. Trasforma i dati in storie e le idee in messaggi. Non sono importanti i dati, ma cosa rappresentano per il tuo target. E come diceva Aristotele, ciò che non aggiunge, sottrae.

# Cosa non serve?

 

LEGGI ANCHE: 15 cose geniali che Philip Kotler ha detto al PKMF [EVENTO]

6 La struttura è migliore della somma delle parti

Una presentazione persuasiva deve possedere una struttura basata sul contrasto problema-soluzione, causa-effetto o vantaggio-svantaggio. Struttura la tua presentazione nell’ordine che ottiene il maggior impatto emotivo. Una struttura solida permette alle idee di fluire e di essere comprese dal tuo target.

# Hai pianificato la struttura emotiva del tuo discorso?

7 Crea uno S.T.A.R. moment

Something They’ll Always Remember – Qualcosa che Loro Ricorderanno Per sempre.

Un esempio? Tutti i telefoni avevano scomodissime tastiere e più si evolvevano più aumentava il numero di tasti.

Un bel giorno, sopra un palcoscenico, un certo Steve Jobs passò un dito sbloccando lo schermo del suo iPhone e nulla fu più come prima.

# Come puoi creare un momento epico?

8 L’interesse del pubblico è direttamente proporzionale alla preparazione del presentatore

Una presentazione efficace richiede pianificazione e tanta tanta pratica. Prova, filmati, riprova. Amplifica il tuo messaggio e riduci il rumore di fondo togliendo tutto quello che non serve. E dopo prova e riprova ancora.

# Quanto tempo dedichi a provare la tua presentazione?

9 La tua immaginazione può creare una realtà (James Cameron)

Le tue idee sono potenti.

# Quindi sii flessibile, sii visionario e ora vai e riscrivi tutte le regole.
Hai un’idea, hai un pubblico. Crea la loro prossima storia.



VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?