Un Ninja prova la nuova Ducati Multistrada 1200

Il racconto della mia Ducati Multistrada Experience

Questo articolo è stato scritto da Maichol Pallera, responsabile progettazione e sviluppo prototipi Evotek Italia (Maranello),

Quando alla redazione di Ninja Marketing è arrivato l’invito per una prova su strada della nuova Ducati Multistrada 1200, non me lo sono fatto chiedere due volte. Per un appassionato di motori come me un invito del genere è come scartare il primo regalo la mattina di Natale.

Quando sono arrivato alla sede di Ducati a Bologna sono stato accolto da una fila di Multistrada versione “S”, tutte bianco madreperla, pronte per il giro. Da sfondo il magnifico edificio rosso Ducati.

Prima di salire su quei gioielli, abbiamo partecipato alla presentazione durante la quale il direttore tecnico di Ducati Andrea Forni ci ha illustrato le innovazioni rispetto alla precedente versione. La Multistrada 1200 eleva il concetto multibike aumentando in prestazioni, versatilità, comfort, sicurezza e divertimento. Il nuovo motore Ducati Testastretta DVT permette adattabilità totale alle condizioni e alle scelte del pilota. Sembra perfetta sia per chi è in cerca di adrenalina (come me), sia per chi invece usa la moto soprattutto per viaggiare.

È stato interessante scoprire le novità del modello direttamente dal direttore tecnico e prima di provarla. Sapere che il prodotto ha un valore, che rappresenta una vera innovazione della categoria e che delle persone ci hanno lavorato con impegno ci ha permesso di godere della prova in maniera diversa, con un’emozione amplificata.

La cosa che mi ha colpito di più è stato proprio il vedere la dedizione di chi ha lavorato al progetto, la voglia di fare e di innovare, e di rendere felici appassionati come me! 😀

Dopo la presentazione e il pranzo all’interno dell’interessante museo Ducati, sono pronto per andare in strada. Indosso la tuta e si parte!

La prova su strada prevede un tour nei dintorni di Bologna su roadbook studiato appositamente dai Tester del team di Beppe Gualini. Ho trovato il percorso scelto l’ideale per apprezzare tutte le modalità di guida di una moto che si fa in quattro. Sì perché elettronicamente si possono cambiare quattro riding mode – sport, enduro, urban e touring – configurabili a piacere con un pulsante.

Le colline Bolognesi facevano da sfondo all’anima rombate di questa Ducati pensata, progettata  e realizzata per rendere unico qualsiasi percorso, anche la tangenziale per andare in ufficio.

Tornati alla base stupiti e soddisfatti diamo il nostro feedback a Andrea: è bello vedere che le nostre considerazioni sul prodotto vengano ascoltate. Le mie? Ho apprezzato molto maneggevolezza, potenza, comodità di guida, caratteristiche che la distinguono dalle altre moto della sua categoria. I quattro riding mode e le sospensioni attive la rendono unica, perché tra il fare un prodotto all’altezza del mercato e crearne uno che sia il nuovo metro di paragone ne passano dei chilometri sotto i piedi!

L’experience è andata decisamente a buon fine. Col sorriso torno a casa pensando che se hai un prodotto innovativo e sei sicuro di quello che vendi, non c’è migliore campagna marketing che farlo provare!