DataXu ci spiega perché le agenzie devono unire scienza e marketing [INTERVISTA]

"Non si tratta solo di raccogliere click" - Bill Simmons, CTO di DataXu

Adele Savarese

Chief Content Officer Ninja Academy

Siamo al secondo giorno di Festival of Media Global. Stamattina abbiamo conosciuto Bill Simmons, CTO di DataXu, azienda impegnata nel programmatic advertising.

Bill ha un passato da ingegnere aerospaziale, ha sviluppato e testato il sofware di volo per la guida, la navigazione e il controllo dei veicoli per lo spazio Atlas. Eppure si è ritrovato in un’azienda che si occupa di pubblicità, DataXu, dove ha cominciato a programmare mentre prendeva il suo dottorato di ricerca in Aeronautica e Astronautica.

Con lui abbiamo parlato di scienza, digital marketing e innovazione.

 

Dall’aeronautica alla pubblicità – hai catturato la mia attenzione! Dimmi qualcosa di più della tua vita e delle tue scelte di carriera :)

Ho sempre studiato ingegneria e ho sempre voluto lavorare nello spazio. E l’ho fatto, per 10 anni. Nel momento in cui ho cominciato la mia carriera nel settore aerospaziale, nel 1999, c’è stato anche il boom di internet. Ho visto il mondo cambiare intorno a me ed era così entusiasmante! Così sentivo che un giorno avrei voluto farne parte. Dieci anni dopo ho avuto l’opportunità di avviare un’azienda ed è così che mi sono avvicinato ad Internet.

La scienza sta al marketing come l’innovazione sta ai media: cosa ti entusiasma di più riguardo la contaminazione di discipline e settori?

Credo sia molto entusiasmante che per molti anni la gente abbia pensato al marketing come ad un’arte, come a qualcosa che riguardasse i sentimenti e la motivazione. Ma ciò che davvero mi entusiasma è il fatto che tutte le attività di marketing possono raddoppiare la propria efficacia se viene applicata un po’ di scienza.

Quindi tu vorresti vedere molte più persone con background scientifico nei team di marketing e nelle agenzie?

Decisamente. Credo ci sia bisogno di un mix di creatività e analisi per raggiungere il massimo potenziale. Alcune agenzie stanno cominciando ad assumere personale analitico, ma credo che il team dovrebbe essere metà creativo e metà analitico.

Festival of media global 2015

Cosa distingue DataXu dalla concorrenza?

Molte aziende oggi fanno Programmatic Marketing, ma noi non vogliamo solo comprare digital media e raccogliere click. Si tratta di aiutare le aziende a crescere. A Dataxu cerchiamo di conoscere le aziende con cui lavoriamo per aiutare a costruire il proprio business, a conoscere cosa vogliono raggiungere e perché. Non si tratta solo di raccogliere click.

L’ultima domanda è una domanda che l’umanità si pone dall’inizio dei tempi. C’è vita… in un’agenzia pubblicitaria? Oggi le persone tendono a vedere l’innovazione nel mondo delle startup. Come possono le agenzie ispirarsi a loro?

Le agenzie devono capire che il mondo sta cambiando e che dovrebbero diventare partner di tech company come DataXu per sentire davvero il cambiamento.

Scritto da

Adele Savarese

Chief Content Officer Ninja Academy

Nasce a Los Angeles nel 1984, stessa annata dello spot "1984". Va a vivere ad Huntington Beach, detta Surf City USA, ed ogni venerdì va a Disneyland. Si trasferisce a Napoli a 5 ... continua

Condividi questo articolo


Segui Aiko su Twitter .

Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it