Retail Marketing: alla ricerca dell'esperienza perfetta

Come creare la perfetta esperienza per i consumatori in base ai trend futuri

Maria Vittoria Tinti

Vice Editor Business Marketing @ NinjaMarketing

Fermiamoci un attimo a pensare a come vorrebbe dire costruire l’esperienza perfetta all’interno del nostro store: più consumatori in linea con il target, più guadagni? Forse prima è meglio capire cosa si intende per retail marketing.

I consumatori sono ormai molto informati riguardo al prodotto, di conseguenza è necessario allontanarsi da schemi classici di retail marketing, che desiderano il consumatore accudito, seguito e coccolato dal personale in store.

Le persone entrano già con diverse informazioni riguardo ai prodotti e non desiderano essere bombardate con ulteriori parole, tutte uguali e che già conoscono. Come catturare dunque la loro attenzione?

LEGGI ANCHE: Perché ai Webby Awards stravince Leo Burnett Toronto con Like a girl?

Di seguito alcuni esempi, molto vicini a noi, che possono aiutarci a comprendere quali sono i tre principali trend in via di sviluppo, da tenere d’occhio.

Far provare il prodotto per creare community

Il primo esempio racconta di una realtà che alcuni conoscono molto bene: Feltrinelli. La famosa libreria presenta diversi punti vendita che offrono un’esperienza unica, come ad esempio lo store di Firenze, il primo a creare RED, “Read, Eat and Cream”, come a ricreare il circolo del libro che troviamo in tanti racconti, per vivere un’esperienza che coinvolga tutti i sensi.

L’obiettivo dell’esperienza perfetta è quella di rendere protagonisti i propri consumatori, stimolando le conversazioni tra loro, quasi come un social network, ma reale.

Meno prodotto ma più servizi

Conoscere al meglio il prodotto non basta: le persone desiderano sempre più spesso che la tecnologia venga incontro alle loro esigenze, anche durante l’esperienza in store e d’acquisto.

Il miglior esempio per aiutarci a comprendere questa caratteristica è l’esperienza proposta da Mango: se una sua consumatrice non trova il capo che tanto desiderava, può richiederlo in store tramite iPad, conoscere il giorno di arrivo e scegliere in quale punto vendita farselo recapitare.

Infatti, non c’è frase più fastidiosa del sentirsi dire, “prova sul sito e-commerce”: il brand ha saputo integrare entrambi i canali fornendo un servizio utile ed efficiente.

Anche il cibo diventa esperienza

Eataly, il cuore di ogni strategia di retail marketing experience, incarna perfettamente il concetto di vivere un momento originale.

Tiene conto che anche acquistare il cibo può essere indimenticabile, fa leva sulle tradizioni italiane e la semplicità di un’idea, ricreando in tutto il mondo, adattandosi alle caratteristiche del paese in cui si colloca, delle piccole Little Italy.

Se si sceglie di intraprendere una strategia di retail experience, non bisogna mai dimenticarsi di stupire e di creare una realtà così originale da diventare indimenticabile.

Ogni brand dovrebbe partire dal concetto che l’importante è regalare un piccolo minuto di celebrità al proprio consumatore. Sì, anche quando sta decidendo cosa cucinare per cena.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?