Intervista

Non utilizzi Instagram nella tua strategia? Orazio Spoto spiega perché dovresti #ninjamasterSMM

Il detto l'immagine vale più di mille parole non è mai stato più veritiero come nell'epoca dei social network, e di Instagram naturalmente

Instagram è un social network nato da un’applicazione la cui essenza sta nell’unire la forza comunicativa delle foto all’efficacia del testo.
Il nome Instagram, infatti, è la sintesi di due parole: foto “istantanee” – scattate dal proprio smartphone, perfezionate grazie ai filtri e subito condivise – più “telegramma”. La didascalia, quindi, non va mai trascurata ed è fondamentale per apportare un valore aggiunto alla foto e renderla completa e comunicativa.

Qualche suggerimento in pillole su come utilizzare al meglio Instagram, ci viene proprio dal co-fondatore di Instagramers Italia: Orazio Spoto, docente del Master Online in Social Media Marketing targato Ninja Academy.

1. Condividere immagini può davvero essere un efficace strumento di marketing?

Assolutamente sì, il detto “l’immagine vale più di mille parole” non è mai stato più veritiero come nell’epoca dei social network, e di Instagram naturalmente.

2. Quali sono gli step principali per definire una social media strategy su Instagram?

Il primo passo fondamentale è, sicuramente, definire il piano editoriale. Subito dopo, bisogna individuare un hashtag di riferimento da usare come bandiera.
Alla base di tutto c’è sempre l’investimento di tempo per presentarsi ai propri potenziali followers al meglio, interagendo con like e commenti.

3. Come posso creare una community su Instagram? Non basta condividere le foto della mia colazione con l’hashtag #foodporn e attendere i like?

master online social media marketing

Tutti sono liberi di creare gruppi e community, è il social ragazzi 😉
Alcune community, come igersitalia hanno delle regole, tra l’altro pubbliche e visibili sul sito www.instagramersitalia.it.
Altra storia è essere parte integrante di una community. Nel nostro caso è semplice, basta usare instagram e i tag corretti. Per tag corretti intendo dire con un criterio di territorialità preciso. Sei a Milano, tagga le tue foto igersmilano, e così via per le altre città.

4. Voglio organizzare una Instagram challenge. Cosa devo sapere in merito?

I challenge sono progetti fotografici online che utilizzano un tema specifico. La regola è una sola: non chiedere troppo ai tuoi partecipanti. Non bisogna farli diventare veicoli inconsapevoli del tuo brand o servizio; se ne accorgeranno subito e, nella migliore delle ipotesi, il tuo account resterà più deserto del deserto!

5. Perché è importante specificare dove mi trovo, con chi mi trovo e cosa sto facendo su Instagram?

Il geotag rende visibile la tua foto anche a chi è fuori dal tuo network e contribuisce a raccontare meglio il luogo. Grazie alla geolocalizzazione puoi popolare e veicolare una immensa mappa 2.0 creata dagli utenti. Per te è anche meglio: sei più visibile e magari ricevi qualche like e apprezzamento in più. Non che sia necessario ma alla fine fa sempre piacere, no?

LEGGI LE ALTRE INTERVISTE AI 13 SUPEREROI DEL MASTER NINJA ACADEMY:

Google+: a cosa serve? Risponde Claudio Gagliardini
Come portare i Social Media in azienda? La parola a Filippo Giotto
Utilizzi Pinterest nella tua strategia di visual storytelling?
Qual è la ricetta segreta per avere successo su YouTube? Chiediamolo a Lucio Mormile
Social discovery: la fine di Google è vicina? Lo abbiamo chiesto a Lorenzo Viscanti
Come si progetta una Facebook strategy?
Come si progetta una Social Media Strategy? Risponde Simone Tornabene