Jobyourlife chiude un nuovo round di finanziamento [INTERVISTA]

Prima Spagna poi Regno Unito, Jobyourlife sbarca in Europa e diventa mobile

Andrea De Spirt Jobyourlife

A luglio avevamo incluso Andre de Spirt, ventiseienne fondatore della startup Jobyourlife, tra i founder dispensatori di consigli ai futuri imprenditori innovativi. 

Il suo consiglio in particolare era:

Ascoltate chi usa il vostro prodotto. Chi usa il vostro prodotto è l’unico che lo conosce veramente. Pensate al vostro pubblico come se fosse il vostro migliore amico. E non abbiate paura di cambiare, di fare il famoso pivot. Cambiare è coraggio, non debolezza.

A distanza di qualche mese, la startup che in molti definiscono come “Google dei CV” continua a crescere, attirando l’attenzione di investitori internazionali, in seguito ad un nuovo round di investimento da 600.000€.

La piattaforma di web recruiting che mette in contatto aziende e candidati in modo innovativo, focalizzando l’attenzione sulla geolocalizzazione dei profili, conta oggi 300 mila iscritti con una media di 1500 nuovi iscritti al giorno.

“Ascoltare i clienti e non avere paura di cambiare” qualche esempio di come questa strategia sia risultata vincente per Jobyourlife ?

Jobyourlife era partita come un social network sulle passioni, cambiato in corsa perchè le metriche non erano soddisfacenti. Non ci siamo affezionati all’idea iniziale, abbiamo seguito le richieste degli utenti.

Mentre il lato aziende, abbiamo costruito il servizio successivamente al lato utente, praticamente in collaborazione con le aziende, per riuscire a soddisfare al meglio le loro necessità. Ascoltando i clienti le metriche sono nettamente migliorante.

Un nuovo importante investimento, Jobyourlife supera i confini italiani. Da quali nazioni partirete e perché ?

Partiremo con la Spagna, mercato occupazionale simile all’Italia per poi arrivare nel Regno Unito. In pratica per l’utente sarà possibile aggiungere al proprio profilo la disponibilità a lavorare in Spagna, aggiungendo alla sezione localizzazione le nuove città lavorative.

LEGGI ANCHE: La dura vita di uno startupper raccontata dal fondatore di Jobyourlife

Mentre oltreoceano per merito di un tweet …

L’articolo di Forbes in cui siamo stati citati è stato inizialmente grazie alla risposta ad un tweet della giornalista Alison Coleman, a caccia di storie di giovani imprenditori italiani. Quest’esposizione mediatica ha attirato l’attenzione di diversi venture capital americani, interessati alle potenzialità del nostro modello. Nei prossimi mesi infatti ho in programma un roadtrip per incontrare gli investitori negli Stati Uniti.

Lato tecnologia invece, quali saranno le novità per gli utenti e per le aziende ?

Tra un mese lanceremo l’application Jobyourlife per iOS, che ci darà la possibilità di aprire il nostro sistema ad un enorme mercato utenti, che fino ad ora, in assenza di un’app, abbiamo trascurato.

Dal lato aziende invece stiamo per lanciare un plug in per la sezione “lavora con noi”, in grado di gestire le candidature spontanee attraverso la dashboard di Jobyourlife.

Come cambierà la vostra struttura pre e post investimento ?

jobyourlife team

jobyourlife team

Attualmente siamo un gruppo di 15 persone (20 tra qualche settimana), per poi arrivare a 30 in settembre. Ovviamente buona parte del nostro personale è stato scelto attraverso recruiting di iscritti a Jobyourlife.

Quindi quali sono le risorse che state cercando per completare il team ?

Le figure a supporto del customer care sono già state reclutate e chiuse, mentre siamo sempre alla ricerca di profili commerciali, e di un chief financial officer.

Per quanto riguarda le figure commerciali in particolare, avendo l’obiettivo di incrementare le aziende sottoscritte (ad oggi 700) saranno valutati positivamente i profili con esperienza pregressa nel commerciali e con conoscenza dei sistemi di recruiting.