I tatuaggi di Ibrahimovic contro la fame nel mondo [VIDEO]

Come trasformare la fama e la credibilità (e il corpo) di un personaggio pubblico nel più efficace veicolo di comunicazione

tatuaggi di ibrahimovic

Gli appassionati di calcio ne avranno già sentito parlare, e magari avranno visto in diretta Zlatan Ibrahimovic che, durante la partita del Paris Saint-German di sabato scorso, si toglieva la maglietta mostrando il torso completamente e inaspettatamente tatuato.

Tutti ci siamo chiesti a chi appartenessero le decine di nomi che il calciatore si è fatto “marchiare” temporaneamente sulla pelle. Il giorno dopo è comparso in rete questo video, e grazie ad esso abbiamo scoperto che non eravamo di fronte ad un eccesso del solito, carismatico Ibrahimovic, ma ad una importante iniziativa sociale di World Food Programme: come dichiara l’organizzazione, tatuarli sul corpo di uno sportivo così seguito e rispettato era l’unico modo per portare in prima pagina quei 50 nomi, una piccola parte degli 805 milioni di persone che soffrono la fame nel mondo.

LEGGI ANCHE: 9 consigli per gestire la presenza sui social media delle organizzioni no profit

Come non sempre accade (consiglio a questo proposito l’articolo di Roberta Leone aka Sayaka5 casi in cui l’uso del testimonial ha fatto discutere“), questa campagna ricava dalla scelta del testimonial gran parte della sua potenza: Zlatan Ibrahimovic ci ha abituati negli anni a giocate di grande talento così come a provocazioni pungenti e sarcastiche. Un personaggio considerato da molti una spanna sopra a tutti gli altri, per meriti sportivi e per spavalderia caratteriale. E così un gesto già di per sè forte (perché gioca tutto sull’immagine, la sua replicabilità e potenziale viralità) risuona ancora più potente.

Il copy di questa campagna è incredibilmente robusto e incalzante: come sentirete, non c’è un generico invito all’azione, ma un appello esplicito e personale da parte del testimonial che mira a “pungere nel vivo” lo spettatore/amante di calcio/fan di Ibrahimovic.

Voi cosa ne pensate?

Credits:

Agency: Forsman & Bodenfors
Writer: Fredrik Jansson
Art directors: Staffan Lamm, Andreas Malm
Account director: Hans Andersson
Account executive: Martin Johansson
Agency producer: Jens Odelbring
Web producer: Peter Gaudiano
Production companies: New Land, Iconoclast
Director: Gustav Johansson
Director of photography: Niklas Johansson
Executive producers: Erik Torell, Solal Michenmacher
Editor: Robin Siwe
Producer: Sophie Tamm Christensen
Production managers: Sophie Hedberg, Arnaud Le Méné