Reebok, può lo sport renderci persone migliori?

La nuova campagna Be more Human insegna come lo sport può migliorare la nostra mente, non solo il fisico

Maria Vittoria Tinti

Vice Editor Business Marketing @ NinjaMarketing

“Mens sana in corpore sano”, si diceva; fitness e sport all’aria aperta sono stati i trend del 2014 e diventeranno uno dei grandi protagonisti del 2015. Non importa che tu sia un agonista o uno sportivo solo nel tempo libero; la parola d’ordine è una, benessere.

Diversi brand sportivi hanno creato linee di prodotto specifiche per queste attività amatoriali: l’ascesa di questi nuovi consumatori ha fatto nascere sia un nuovo target sia nuove forme di comunicazione specifiche, dagli eventi, ai prodotti fino ad arrivare ai contenuti sui social network, rivisitati in chiave sportiva.

La nicchia di mercato più interessata è quella dei runner: sono stati coinvolti in attività ad hoc, tralasciando però un aspetto rilevante: Lo sport è sacrificio, ma aiuta a migliorare anche se stessi, nel profondo.

Reebok, con l’agenzia creativa, Venables Bell & Partners, ha saputo cogliere questa sfumatura, ideando una nuova campagna di comunicazione: Be More Human ha come mission quella di insegnare ad essere se stessi ma, soprattutto, a migliorarsi attraverso lo sport.

Il focus su ogni tipo di attività ha dato al brand il vantaggio di allargare il suo pubblico, rivolgendosi non solo ai runners, target ricercato e molto specifico, ma ad ognuno di noi dando importanza ad ogni sport.

Be More Human è stata lanciata durante il Super Bowl attraverso in video Freakshow. Il messaggio chiave è il seguente: ogni sportivo compie dei sacrifici, supera e accetta i propri limiti per amare se stesso e migliorare anche nell’approccio alla vita quotidiana.

[yframe url=’https://www.youtube.com/watch?v=UDb-7DY3CjU’]

LEGGI ANCHE: Super Bowl 2015: i migliori e i peggiori spot

L’attività di comunicazione di Reebok, sviluppata all’interno della nuova piattaforma, integra al suo interno diversi elementi differenti tra loro ma perfetti per creare un’esperienza completa, adatta ad ogni tipo di target scelto.

The Human Score

Per capire noi stessi dobbiamo metterci sempre alla prova. L’obiettivo chiave di questa sezione è quello di capire chi siamo e qual è il nostro approccio alla vita.

The Human Score aiuta a scoprire il nostro livello di umanità: obiettivo forse insolito per uno sportivo abituato a doversi superare ogni giorno? La sfida è ancora più ardua: non tutti sono in grado di ammettere una sconfitta dimostrando a se stessi di essere umani. Ma solo così lo sport può davvero insegnare a vivere la propria vita e a conoscersi, come illustra il risultato del test.

Target: l’attività The Human Score è un’esperienza pensata per chi occupa la maggior parte del suo tempo al fitness.

Lo strumento utilizzato è perfetto perchè strutturato come una vera e propria challenge. I consumatori sono attratti dal loro risultato, senza pensare che esso determinerà il loro livello di umanità, portandoli a riflettere su loro stessi.

“Grey Matters”

L’esperienza proposta da questa attività, ci mostra attraverso un’animazione 3D interattiva come le diverse attività possono influire sulle diverse aree del nostro cervello, diminuendone l’attività oppure stimolandola.

Se stai preparando un esame, per avere una marcia in più, lascia i libri sul tavolo per qualche ora; potrebbe sembrare un invito a distrarsi, in realtà un’attività fisica coinvolge un numero di cellule cerebrali in più rispetto ad una semplice lettura.

Target: Grey Matters è indicata per le persone ancora dubbiose sui benefici dell’attività sportiva, a causa dei sacrifici che comporta. Illustrando in modo preciso e coinvolgente i benefici, indica come Reebok può andare a diventare il brand di quei consumatori ancora un po’ pigri, puntando sulla motivazione.

#Breakyourselfie

Ogni giorno vengono scattati 93milioni di selfie. Reebok non poteva che cavalcare questo trend, in continua evoluzione e non ancora destinato a rallentare.

Il brand lo fa però in un modo innovativo: il selfie non è più un modo per mettersi in mostra, fomentando l’ansia di voler apparire della nuova società; può, invece, diventare un modo per vedere i nostri limiti, i nostri sacrifici accettandoli e vivendoli in modo positivo.

La sfida lanciata è quella di mostrare a tutti sia il percorso fatto per arrivare ad un risultato sia l’esperienza vissuta. Immortalando un momento vero, privo di qualsiasi filtro.

Target: un consumatore giovane è la persona cui si rivolge quest’attività. Il punto di forza è dato dall’originalità di mostrare al mondo se stessi e non un’immagine filtrata di quello che vorremmo essere.

Reebok, attraverso Be more Human mostra la sua vera brand identity, mettendo in primo piano le sue idee e lasciando in disparte prodotto e performance, creando la percezione di un brand autentico che punta su persone vere, con valori e umane.

Ora alzatevi dal divano, praticate sport e iniziate a scoprire voi stessi!

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?