Everlast: tu la chiameresti "pugile donna" o solo "pugile"? [VIDEO]

GoldieBlox, Verizon, Always, Dove e ora Everlast. Sempre più brand scelgono di affrontare gli stereotipi di genere a partire dall'infanzia

everlast

Il binomio donne e sport negli ultimi mesi sembra essersi affermato con particolare successo nell’advertising. Parliamo di quella che vuole essere, nelle intenzioni dei creativi dietro alle campagne, la rappresentazione di sport come pratica anche agonistica, attraverso la quale esprimersi e affermarsi, disvalorizzando l’attività fisica come mero strumento per ottenere un corpo socialmente accettabile. L’ultimo brand a provarci, secondo noi con successo, è Everlast con “I’m a boxer“.

Protagonista è una ragazzina che, con sguardo fiero e sicuro, si allena nel suo sport, la boxe, e, come recita il voiceover “immagina di vincere, e immagina un mondo in cui non importa se sei un uomo o una donna, quello che conta è quanto bene giochi”.

La battuta finale recitata dalla giovane, rivolta direttamente ad un generale voi, a chi guarda il video, dice: “Non definitemi una donna pugile. Io sono una pugile“.

everlast pubblicità

everlast pugile

i'm a boxer

pubblicità stereotipi femminili

Quello di Everlast è un filmato che ne richiama alle mente altri, recenti, che hanno per protagoniste bambine e ragazzine alle prese con quelli che sono luoghi comuni e stereotipi ancora duri a morire. Ricordate ad esempio “Inspire her mind” di Verizon o “Princess Machine” di GoldieBlox? Entrambe le campagne insistono sull’importanza di ispirare le più giovani nel perseguire le loro ispirazioni in campi finora dominati da uomini come la scienza o, appunto, lo sport.

Always con la sua campagna #LikeAGirl recentemente riproposta durante il Super Bowl, o gli ultimi spot Dove centrati sul rapporto madre-figlia. Sempre più brand scelgono di affrontare il tema degli stereotipi femminili partendo da questa fascia d’età, forse per aggirare la difficoltà di rappresentare un corpo femminile adulto che non sia omologato, esteticamente valorizzato.

Voi cosa ne pensate?

Credits:

Director: Claire Edmondson
Production Company: Steam Films
Cinematographer: Catherine Lutes
Executive Producer: Carling Acthim
Producer: Jason Aita
Art Director: Erika Lobko
Wardrobe: Basia Wyszynski
Editilng: Married to Giants
Editor: Michael Durst
Executive Producer: Denise Shearer
Online Artist: Trevor Corrigan
Online Assistant: Preeti Torul
Transfer: Alter Ego Post
Colorist: Tricia Hagoriles
Producer: Jane Garrah
Original Music, Sound: Apollo Studios