Ieri Snapchat, oggi Quickie: agli utenti piace privato

Quanto conta per gli utenti la privacy nei servizi di instant messaging?

Ieri Snapchat, oggi Quickie - 1

L’instant messaging è ormai un fenomeno di costume, fa parte della nostra quotidianità. Da quando ci siamo infilati uno smartphone in tasca siamo tutti (sempre) connessi. Viviamo agevolati dalla tecnologia, ma costantemente in tensione: per un messaggio, una risposta, o più semplicemente per due spunte blu. Questa premessa è necessaria per capire l’app di cui vi parleremo oggi, Quickie!

LEGGI ANCHE: Bolt, l’app di messaggistica “usa e getta” di Instagram

Messaggi e privacy: la rivoluzione di Whatsapp e Snapchat

Whatsapp ha rivoluzionato il modo con cui entriamo in contatto così radicalmente che ormai ricevere un SMS o un MMS ha lo stesso sapore di ritrovare mille lire nel cassetto  della nonna. E ora che proprio tutti, giovani e meno giovani, si sono presi bene a “whatsappare”, qualcuno comincia già a scappare alla ricerca della feature più ambita: la privacy.

Ieri Snapchat, oggi Quickie - 2

Già, perché l’utilizzo di massa di Whatsapp e il suo conseguente monitoraggio non tranquillizza le persone sulla comune sicurezza, al contrario le spaventa. È una sorta di “sindrome del Grande Fratello”, come se tutti non vedessimo l’ora di farci gli affari digitali del nostro prossimo.

Ecco spiegato il successo di Snapchat soprattutto tra i più giovani, sempre ansiosi di correre controcorrente e di provare l’ebrezza di condividere di tutto senza lasciare traccia, dal “ps I love you” fino al più trasgressivo sexting.

Quickie: la messaging app in formato sketch

Sull’onda del successo dei messaggi “a tempo”, da poco più di una settimana è downloadabile Quickie, la nuova ephemeral messaging app che si gioca tutto con la sua killer application: lo sketch.

Quickie vuole soprattutto divertire i propri utenti. Così, oltre a consentire di disegnare i messaggi per gli amici, attraverso gli scatti delle fotocamere posteriore e frontale realizza dei mini loop che, dopo un po’ di pratica, invogliano davvero a trascorrere 5 minuti un po’ più idioti del solito. La user exeperience è piuttosto asciutta, ma intuitiva e semplice: alla registrazione segue l’import dei propri contatti che, una volta installata anch’essi l’applicazione, saranno subito bombardabili di messaggi a breve scadenza.

Ieri Snapchat, oggi Quickie - 3

Vi va di provarla? In fondo all’articolo trovate i link per scaricarla sia in versione Android che iOS. In effetti, c’è da divertirsi. Ma non dite che lo fate per sentirvi più sicuri…

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?