Quanto spende la Pubblica Amministrazione italiana? Scopritelo con Soldipubblici Reloaded

Il Viral Marketing incontra il concetto del Social Impact

I comuni italiani spendono troppo: solo dicerie, o realtà?

A sfatare miti e leggende attraverso dati e analisi specifiche ci pensa SOLDIPUBBLICI-RELOADED, il nuovo progetto digitale elaborato da The Fool – società specializzata in strategie e strumenti per l’analisi, gestione e tutela della reputazione e degli asset digitali online – per consentire ai cittadini interessati di comprendere in modo chiaro e puntuale come la Pubblica Amministrazione impiega il denaro.

Eccone una video-presentazione.

SOLDIPUBBLICI-RELOADED riaggrega i dati originati e proposti da http://soldipubblici.gov.it/it/home, parte del progetto Open Data iniziato nel 2011. Citiamo dal comunicato stampa:

In modo migliorativo rispetto a quanto proposto dal sito del Governo, sul portale http://soldipubblici.thefool.it gli utenti possono visualizzare in un’unica comoda interfaccia tutte le voci di spesa di ogni singolo Comune italiano, ordinate per importo totale nonché raffrontate tra di loro per avere un’immediata percezione del peso di ogni capitolo di spesa all’interno del bilancio comunale. 

Il nuovo portale offre, inoltre, arricchimento dei dati e analisi non presenti sul sito governativo come il “costo medio per abitante” delle spese comunali, la classifica dei “top spender” tra i Comuni italiani, sia in termini di totale di bilancio che di singola voce di costo, nonché la classifica delle voci di spesa che – in aggregato – gravano maggiormente sui bilanci della Pubblica Amministrazione locale.

Un progetto digitale molto interessante, che sta facendo discutere e “muovendo” gli animi di comuni ed opinione pubblica.

Nei primi 5 giorni sono state visualizzate 120.000 schede! I comuni più visualizzati? Roma, Milano, Pescara, Piacenza e Mira e alcuni comuni (tra cui Milano e Pomezia) hanno diramato comunicati stampa per commentare e precisare i dati pubblicati.

Lo avete già testato? Cosa ne pensate?

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?