Chi è e cosa fa davvero un Digital Coach?

Sono il signor Wolf, risolvo problemi

digital coach cos'è

Cosa fa un’azienda pubblica o privata quando ha bisogno di rinnovarsi e digitalizzarsi? O fa a modo suo, incrociando le dita e sperando che la strada che ha imboccato sia quella giusta, o può affidarsi ad una persona competente che la accompagni nel passaggio al XXI secolo.

Questa persona può essere un consulente, un freelance o un poco più che ventenne che di digitale ne mastica da quando era nella culla. In alcuni di questi casi, si fa chiamare Digital Coach, letteralmente “Allenatore Digitale”.

digital coach definizione

Chi è il Digital Coach?

Il Marketing Guru, Seth Godin, descrive il Digital Coach come “un freelancer che di solito lavora con imprenditori, piccoli gruppi o aziende per insegnare loro come migliorare drasticamente la produttività o la propria presenza sul mercato con la tecnologia“. Ad esempio, un allenatore digitale può organizzare il tuo telefono cellulare per essere più potente o ti insegna come utilizzare blog e Facebook per connetterti al tuo pubblico.

Secondo Guedado, AKA Jacopo Mele – classe 1993 – il digital life coach “sviluppa strategie d’impresa per creare e rafforzare l’identità di Brand (Brand Identity) e aumentarne la reputazione e la risonanza (Brand Reputation e Brand Awareness) negli spazi web attraverso una progettazione coordinata tra offline e online”.

Secondo Federico Morello, si tratta di “una figura strategica che opera in sinergia con i vari reparti dell’azienda o della pubblica amministrazione per sviluppare nuovi servizi, progetti e campagne di comunicazione online.”

Insomma, a noi il digital coach sembra proprio il Winston Wolf  di Pulp Fiction, qualcuno da chiamare per risolvere crisi, affrontare transazioni, lanciare nuovi business. Ma immaginatelo in bicicletta, con un gli auricolari collegati allo smartphone e un laptop nello zaino.

digital coach cos'è

Perché nasce la figura del Digital Coach?

Diciamo la verità, alcune aziende pagano profumatamente un consulente per poi mettere in atto solo la metà che viene loro consigliato. Ciò avviene perché in alcuni casi, neanche la dirigenza sa bene di cosa si sta parlando: analytics, lead, follower, engagement sono concetti con cui non tutti hanno già avuto a che fare.

Nasce quindi l’esigenza di una figura che spieghi in primis queste cose, che riesca a trasmettere alle aziende non solo la necessità di mettersi al pari con i tempi, ma anche i motivi per cui bisogna farlo.

Il digital coach è, appunto, un allenatore in grado di guidare l’azienda in una strategia integrata tra mondo digitale e mondo reale.

digital coach definizione

Cosa fa un Digital Coach?

La risorsa che uso di più sono le persone”, ci ha detto Guedado, che si proclama il primo digital life coach, seguito a ruota da Morello e Giuseppe Noschese.

Il Digital Coach, quindi, non si limita ad insegnare ad aziende, enti o anche soggetti singoli le strategie digitali per ottimizzare la loro presenza online. Ciò che fa soprattutto è creare e coltivare una rete di persone e aziende per poi metterle in contatto tra loro. Non solo Winston Wolf, ma anche un po’ Professor X.

Il suo lavoro non è affatto semplice: deve essere innanzitutto un carismatico leader, saper comunicare con le persone, scegliere gli strumenti giusti per favorire la comunicazione all’interno del team e avere spiccate capacità di esecuzione. Niente fuffa, quindi, solo fatti.

corsi digital coach

Come si diventa Digital Coach?

Come per tutte le professioni in campo digital, qui ciò che conta è il continuo aggiornamento. Il digital coach deve conoscere le ultime novità sulla SEO, quali sono le strategie e le piattaforme più adatte per un e-commerce, e naturalmente deve avere un’elevata padronanza di tutti i social media. I corsi di formazione, sia in aula che online, non mancano, l’importante è scegliere in maniera ponderata quelli giusti, che offrono le competenze necessarie e che abbiano anche un’alta reputazione.