I cinque errori più comuni da evitare nella costruzione di un nuova impresa

Non al denaro, né al tempo ma al prodotto e al beneficio per i consumatori, il nuovo paradigma del buon imprenditore

Federico Gambina

Web Editor & Social Media Specialist

Stiamo per entrare nel favoloso mondo dell’imprenditoria e pensiamo che il nostro unico obiettivo sia quello di guadagnare il più possibile dalla nostra idea? Nulla di più sbagliato! Prima di iniziare questo lungo percorso occorre fare un controllo vero e proprio dei nostri obiettivi primari per evitare di sabotarli in maniera irreversibile.

Se siete d’accordo con una di queste cinque affermazioni, fermatevi, perché la vostra nuova impresa potrebbe rivelarsi un enorme fallimento.

Scopo dell’impresa

Se abbiamo deciso di creare la nostra impresa solo ed esclusivamente per il guadagno occorre fermarci e chiederci: il bene che sto producendo è utile al mio target? L’imprenditoria deve essere guidata dalla passione per la creazione di soluzioni ai problemi della gente e non dunque dalla mera volontà di guadagnare il più possibile.

La vera chiave del successo di un nuova impresa viene dal focus sulla realizzazione del prodotto, che deve essere di qualità e di utilità, questo punto riuscirà a trascinare l’impresa al tanto agognato successo finanziario.

Supporto all’impresa

Aver bisogno degli altri per sostenere il nostro obiettivo è un’altra grande tematica legata all’imprenditoria. Un’impresa difficilmente potrà crescere da sola, ma il ruolo della leadership assume una importanza fondamentale: la dipendenza totale ed insana da altre persone può facilmente lasciare alla loro mercé la nostra impresa portandoci ad un possibile fallimento degli obiettivi. Vero pure che non è possibile gestire da soli tutte le situazioni, il vero leader, usando una metafora, è colui che sa guidare la sua nave.

Imparare a risolvere i problemi in maniera indipendente, questa la giusta chiave per essere un vero leader.

LEGGI ANCHE: La leadership visionaria impone di lavorare prima su se stessi: Mark Hansen [INTERVISTA]

Fiducia in se stessi

“Mi fido molto del punto di vista degli altri”. Questa frase è una delle più pericolose per la costruzione di una nuova impresa. Se il nostro obiettivo è quello di diventare dei grandi imprenditori dobbiamo buttarci nella mischia con idee che per gli altri possono rivelarsi irrazionali.

Bisogna dunque fidarsi di se stessi e della propria idea senza farsi influenzare da nessuno. Il nostro pensiero imprenditoriale deve essere capace di cambiare il mondo, pazienza se sembra poco realistico.

Valore del prodotto

Se abbiamo appena creato un’impresa dal nulla, avere la presunzione di essere immediatamente considerati dei grandi imprenditori può far fallire l’impresa neonata. Per essere un’impresa di successo occorre creare valore, quindi bisogna che i prodotti che creiamo abbiano siano utili per i consumatori. Sbagliato è buttare i soldi in iniziative che non porteranno a nulla, serve anzi ponderare in maniera precisa le scelte e le attività da svolgere per poter avere il successo sperato.

Tempo

Darsi scadenze temporali è uno degli errori da evitare in assoluto. Certamente comprensibile è che dopo un certo numero di anni si pensi che tutti i sacrifici e le ore spese a progettare siano state in certi casi inutili. Questo non deve mai accadere, bisogna infatti cercare di creare il proprio stile di vita intorno alla propria impresa, in modo che diventi una parte di noi stessi. Questo farà sì che non dovremmo mai veramente smettere di fare impresa. Le nostre possibili attività dovrebbero significare molto di più che un semplice margine di profitto, le imprese devono diventare espressione di noi stessi, parte integrante delle nostre vite.

Questa, in definitiva, è la vera chiave del successo di chi intende intraprendere la creazione di una nuova impresa.