Brain business, combinare logica e intuizione per creare un'idea di successo

Alcuni esercizi per allenare gli emisferi del cervello combinando pensiero convergente e divergente

Federico Gambina

Web Editor & Social Media Specialist

Supponiamo di aver appena concluso un lungo percorso di studio accademico su come far venir fuori dei grossi guadagni dal nostro business, siamo stati istruiti sulle difficoltà legate alla crisi economica occidentale, al modo esatto per aggirarla e successivamente sulle specifiche attività manageriali e creative per generare un’idea brillante.

Scordiamoci tutto, l’istruzione uccide la creatività! Queste le parole tratte dal testo “Sviluppare nuove idee di business” di Andrew e Mary Bragg, esperti studiosi dei fenomeni legati al mondo del business, che tendono a sottolineare come i troppi studi logico – matematici siano capaci di sormontare il nostro emisfero destro, quello creativo.

LEGGI ANCHE: Come risvegliare il genio di cui siamo dotati per natura: Michael Gelb

Emisfero sinistro ed emisfero destro

Sin da piccoli siamo stati abituati ad utilizzare l’emisfero sinistro del cervello, quello dell’analisi, della logica, della matematica (in senso lato), in sostanza siamo stati bombardati da compiti che ci hanno costretto ad utilizzarlo in modo maggiore. Lo stesso si può dire dei corsi di business e management che hanno a loro modo contribuito al soffocamento della creatività, favorendo molto spesso le discipline logiche e analitiche della contabilità, finanza, gestione e marketing piuttosto che approcci legati alla creatività pura. Indubbiamente questi metodi di studio ci hanno abituati alla cultura aziendale, possiamo facilmente dire di essere in grado di prendere decisione logiche e puntuali in quelle occasioni dove la risposta corretta da dare al nostro capo è una sola, spesso scordandoci che tutti i problemi che ci si presentano davanti possono avere molte altre chiave di lettura e di soluzione. Detto in questi termini sembrerebbe che nessuno di noi abbia una via di fuga se non la demenza creativa, ma non è affatto così. Nell’opera premiata con il Nobel (Teoria della divisione del cervello) il neurochirurgo Roger Sperry postulò che per essere dei creativi occorre semplicemente saper combinare logica e intuizione, poiché sin da piccoli siamo stati abituati a sviluppare la parte logica, tendiamo a possedere uno stile dominante, in termini biologici tendiamo ad utilizzare in maniera maggiore l’emisfero sinistro, chiamato anche pensiero convergente.

Come combinare il pensiero divergente e quello convergente

Atraverso gli studi sul cervello umano Sperry intuì che per poter combinare al meglio i due pensieri occorresse mantenerli separati, in modo da conservare le loro distinte identità, con il fine ultimo di raggiungere gli obiettivi specifici per ogni fase di pensiero. La prima fase è quella di lasciar libera la parte divergente di generare idee fantasiose, senza farsi frenare dalle critiche o dalle obiezioni che vengono mosse dagli altri al fine di evitare il soffocamento dell’immaginazione. Dopo aver individuato l’idea innovativa, occorre completare la fase di creazione con il pensiero convergente. Analizzare dal punto di vista logico – matematico l’idea senza scivolare nuovamente nella fase precedente che se più sviluppata tenderà a farci trovare idee alterative rendendo impossibile il completamento delle fasi per l’idea originaria. L’utilizzo ponderato dei due pensieri nel momento opportuno riuscirà a farci sviluppare il whole – brain thinkinge l’idea di successo. Molte le critiche mosse su questa teoria che però dal punto di vista scientifico ha trovato delle applicazioni nella vita reale.

Allenare i due emisferi, logica e intuizione

Esistono alcune esercizi di base che ci permettono di allenare in modo preciso i due emisferi. Per allenare l’emisfero destro gli esercizi più utilizzati possono essere ad esempio: togliere l’orologio mentre si sta lavorando, guardare il progetto d’insieme e sorvolare sui particolari, registrare le intuizioni, sensazioni ed impressioni e solo successivamente calcolare la loro accuratezza e infine fare una passeggiata in un luogo qualunque. Al contrario per allenare l’emisfero sinistroè consigliabile: fissare una tabella di marcia per tutte le attività lavorative della settimana e controllarle ogni ora, compilare un’analisi dettagliata dei tre maggiori problemi che si affrontano al lavoro e infine scrivere una strategia di ricerca dettagliata che si intende seguire la prossima volta che si farà una ricerca su internet.

Case history

Uno dei casi più emblematici di whole – brain thinking è quello di Ingvar Kamprad, fondatore di IKEA. Negli anni ’80 Kamprad pensò di espandere il suo mercato in Russia e nei paesi dell’est dopo che la risposta positiva del mercato all’introduzione dei mobili a basso prezzo lo condusse ad abbandonare la produzione di altri prodotti. Kamprad, soprannominato Picasso dai suoi più stretti collaboratori, intuì che la conquista dell’est era possibile, nonostante le incertezze interne sugli ostacoli economici e politici che l’impresa doveva affrontare. Il fondatore di IKEA ha sempre preferito la semplicità alla complessità, una delle sue più famose dichiarazioni è: “una pianificazione può essere fatale”. Alle sue doti da visionario, Kampard coniugava un’attenzione minuziosa ai particolari, compreso la produzione accurata e le conoscenze di vendita per ognuno delle principali linee di prodotto dell’azienda. Uno degli esempi più chiari di come il pensiero convergente e divergente possono far diventare una piccola azienda svedese, il rivenditore di arredamento della casa più grande al mondo.