Google sorprende i passanti di Times Square

Un mega schermo che va oltre la comunicazione

Rosanna Crocco

Vice Editor Business Marketing @ NinjaMarketing

Sicuramente chi ha visitato New York sa che Times Square è, senza alcun dubbio, la zona dove è possibile vedere advertising di ogni tipo. Da poche settimane, però, c’è qualcosa di nuovo e di mai visto prima: un cartellone pubblicitario più grande rispetto a qualsiasi altro schermo disponibile nel mondo, ricopre un intero isolato (tra la 45esima e la 46esima, a Broadway). L’azienda committente è Google, che non si è fermata al fine esclusivo della comunicazione, ma ha sottolineato l’elemento dell’interattività, allargandone l’utilizzo ai passanti.

Diamond Vision (è così che si chiama questo mega schermo) realizzato da Mitsubishi Electric Power Products, possiede la più alta risoluzione mai ottenuta su un display LED, 24 milioni di pixel su una superficie equivalente quasi a quella di un campo di football. Il pannello è stato inaugurato da Google la scorsa settimana e dal 25 novembre mostra una campagna pubblicitaria interattiva che permette ai passanti di utilizzare l’applicazione Androidify, sia su smartphone Android, che su device iOS, per visualizzare l’animazione del proprio personaggio.

LEGGI ANCHE: DS 3 BY NIGHT: tecnologia Pixelstick sullo sfondo di Parigi

Infatti, se si crea un personaggio su Androidify si ha la possibilità di visualizzarlo sul cartellone da 25.000 metri quadrati; e se siete nella zona è possibile vederlo proiettato in diretta. Qualcuno, inoltre, sostiene che presto ci sarà anche qualche concorso per vincere una maglietta o una cartolina con sopra il proprio personaggio.

Tutti si stanno domandando quanto possa essere costata una simile installazione all’azienda che ha creato il motore di ricerca più usato al mondo, alcuni sostengono che il costo sia di circa 2,5 milioni dollari per quattro settimane di annunci, ma sono soltanto voci.

Va, altresì, sottolineata l’iniziativa lodevole del colosso di Mountain View che non mostrerà solo i propri prodotti, ma donerà parte del tempo acquistato a sei organizzazioni no-profit: Charity Water, WWF, Khan Academy, NRDC, Made with Code, Donors Choose e Give Directly.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Scritto da

Rosanna Crocco

Vice Editor Business Marketing @ NinjaMarketing

Classe 1987; cresce ad Acri, un paesino in provincia di Cosenza. Una Laurea in Economia Aziendale ed un Master in Marketing Management le permettono di studiare ed approfondire ... continua

Condividi questo articolo


Segui Umeka su Twitter .

Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it