Nokia: cosa si nasconde dentro la Black Box? [BREAKING NEWS]

Nell'attesa del 18 Novembre, scopriamo qualcosa di più

francesco-piccolo-cosa-si-nasconde-dietro-la-blackbox-nokia

Non è passata nemmeno una settimana dalla presentazione del Lumia 535, il primo Lumia a marchio Microsoft, che Nokia torna a far parlare di sè. E lo fa in maniera abbastanza criptica, con un tweet partito oggi dall’account ufficiale:

Cosa si nasconderà dietro la Black Box a marchio Nokia? Lo scopriremo domani, 18 Novembre, durante uno lo speech di Sebastian Nystrom, responsabile di prodotto Nokia, all’evento Slush 2014: il riferimento europeo ed asiatico per startup e tecnologia. Intanto possiamo fare un po’ di previsioni.

LEGGI ANCHE: Microsoft Lumia 535, il primo Lumia senza Nokia

Diversificazione

francesco-piccolo-cosa-si-nasconde-dietro-la-black-box-Nokia

Chi conosce la storia completa di Nokia sa che la casa finlandese è maestra nella diversificazione: dalla lavorazione di legno e cellulosa a piccoli elettrodomestici, per finire poi in impianti cellulari e smartphone. L’accordo Nokia-Microsoft prevede restrizioni sull’utilizzo del brand Nokia sugli smartphone e la disponibilità ad utilizzarlo sui feature phone per 10 anni, ma, per altri beni di consumo, esso può essere utilizzato senza limitazioni dai suoi proprietari. E’ questa la prima informazione utile, e ci fa sospettare che nella blackbox non ci sia un dispositivo legato al mondo degli smartphone.

Gestione

francesco-piccolo-cosa-si-nasconde-dietro-la-black-box-Nokia

In seguito alle turbolente vicende degli ultimi anni, Nokia sta lavorando duro per ridefinire il proprio senso partendo dalle proprie radici: un brand di valore, un team di designer e programmatori software, l’abilità di trasformare ricerca e sviluppo in prodotti di consumo. Durante le fasi di riconversione Nokia, si è spesso parlato di una diversificazione come software house; adesso Nokia vorrebbe mettere a disposizione il proprio brand per assistere la produzione di elettronica di terze parti ed apporvi il proprio marchio. In questo modo non sarà raro trovare vere e proprie ortodossie, come fotocamere e strumenti tecnologici con il logo finlandese.

Non si tratta di una strategia nuova: molti brand hanno già tentato diversificazioni in questo senso ottenendo scarsi risultati.

francesco-piccolo-cosa-si-nasconde-dietro-la-black-box-Nokia

Linea di abbigliamento Apple degli anni ’80

francesco-piccolo-cosa-si-nasconde-dietro-la-black-box-Nokia

Polaroid Smartwatch

E’ altrettanto vero, però, che se si trattasse di una diversificazione correlata, finalizzata a valorizzare le proprie risorse umane e tecnologiche oltre che di awareness, potrebbe avere risultati sorprendenti.

Vi diamo appuntamento a domani su queste pagine per scoprire cosa bolle in casa Nokia.