I migliori brand globali del 2014 secondo Interbrand

Best global brand 2014, i vincitori di quest'anno.

Interbrand ha pubblicato il report Best Global Brands per il 2014, e ancora una volta, l’elenco delle 100 aziende migliori dell’anno è formato perlopiù da imprese del settore tecnologico.

Apple, dal valore di 118,9 miliardi di dollari, si trova al primo posto, davanti a Google ad un prezzo di 107 miliardi dollari. Delle 100 aziende in lista, 13 operano nel settore tecnologico, e cinque di questi sono nella top 10. Oltre ad Apple e Google, IBM e Microsoft conquistano il quarto e il quinto posto in classifica, mentre Samsung arriva al settimo. Coca-Cola appare ancora al terzo posto, guadagna quindi una medaglia di bronzo.

Queste giganti società tecnologiche fanno fuori i giganti dell’intrattenimento come Disney e MTV, le case automobilistiche Mercedes Benz e BMW, e marchi di lusso come Louis Vuitton e Cartier.

interbrand

Interbrand valuta tre aspetti chiave nel decidere il valore di un marchio:

  • la performance finanziaria dei prodotti e dei servizi dell’azienda,
  • il ruolo che il marchio svolge nell’influenzare la scelta dei consumatori,
  • la capacità del marchio deve guidare a un premium price o di rallentare i guadagni dell’azienda.

La metodologia di Interbrand è certificata alla International Organization for Standardization, cioè la sua analisi è stata approvata in modo indipendente.

GAFA

GAFA è l’ acronimo in scala dei marchi Google, Amazon, Facebook e Apple. Sebbene inizialmente radicati nel proprio core business, hanno dimostrato che la progettazione di esperienze desiderabili può consentire a un’azienda di estendersi proficuamente su più settori. Ulteriore segno distintivo delle imprese del gruppo GAFA è la capacità di identificare l’utente. Il log-in fornisce l’accesso a un ecosistema personalizzato di offerte all’interno di un unico, ma ampio, spazio di marca.

Mecosystem

In termini tecnici, è un ecosistema di reti complesse, un sistema interconnesso in cui i dispositivi interagiscono tra loro. Il Mecosystem mette al centro le Nostre esperienze e integra un insieme di ulteriori esperienze intorno a NOi. Mecosystem considera i contesti “reali” che Ci circondano e cerca sinergie tra esperienze, garantendo servizi e prodotti più rilevanti.

Per colmare il divario tra l’azienda e l’utente finale, molte marche sono alle prese con le sfide in grado di integrare prodotti e servizi per l’utente con lo sviluppo di strategie esperienziali che in concreto sincronizzano esigenze e preferenze. Il Mecosystem aiuterà calibrare esperienze di marca che stanno diventando sempre più sociali e multi-sensoriali, comprese le interfacce per conversare con i nostri device, i software in grado di riconoscerci, e i dati che aiutano a personalizzare gli ambienti a noi circostanti. All’interno del paradigma Mecosystem, siamo connessi al sistema.

Persone

Creare nuovi legami sulla base di interessi condivisi, per aiutarci a sfruttare la nostra rete con risposte rapide e pertinenti. Le tecnologie di rilevamento ci permetteranno di imbrigliare l’intelligenza collettiva e rendere la maggior parte delle nostre connessioni personali.

Luoghi

Ora che i device possono percepire il loro ambiente fisico e adattare il loro comportamento di conseguenza, il contenuto sarà sempre più legato al contesto. Le tecnologie context-aware ci aiuteranno a trovare quello che vogliamo, ovunque ci troviamo, presso la nostra posizione e seguendo la storia delle nostre scelte.

Passione

Enormi set di dati organizzati su noi stessi. La tecnologia diventerà un percorso di auto-scoperta, dandoci nuovi modi di affrontare il fitness, l’assistenza sanitaria, e perchè no anche il romanticismo.

Profitto

Avere la possibilità di controllare i propri dati personali grazie alla trasparenza e al monitoraggio costante delle informazioni in rete. La gente sarà istituita ad archivi di dati personali che potrebbe davvero sbloccare il potere della tecnologia.

Scritto da

Giovanna Napolano

Giovanna Napolano nasce a Napoli nel 1988 e si laurea in Scienze della comunicazione con una tesi in marketing.A diciotto anni scopre tra i banchi di scuola la materia che ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Kiyoshi .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it