Bolt, l'app di messaggistica "usa e getta" di Instagram

Arriva anche in Australia Bolt, l'app di messaggistica di Instagram

Ne avrete già sentito parlare: la settimana scorsa Instagram ha lanciato una nuova app, Bolt, che si inserisce nel calderone delle app di messaggistica “usa e getta” come Snapchat.

Non più soddisfatto di essere semplicemente un social network per il photo-sharing con graziosi filtri e più di 200 milioni di utenti mensili attivi (fonte @Mashable), Instagram si sta muovendo sul ​​territorio della messaggistica effimera attualmente dominato da Snapchat. Ha selezionato come mercati iniziali di prova Singapore, Nuova Zelanda e Sud Africa e per ultima ieri l‘Australia.

Messagging app: un mercato in espansione

Ovviamente il mercato che interessa Instagram è quello degli USA, ma non è detto che non tenga conto di paesi come la Cina dove l’attenzione mediatica è rivolta al mercato delle messaging app.

Ne è un esempio il tam tam di voci con cui è stata accolta la notizia recente che Snapchat sia in trattative con alcuni investitori pronti ad un round di finanziamento per portare la valutazione della società fino a 10 miliardi di dollari.

Tra questi rumors, non a caso c’era come protagonista anche Alibaba, l’e-commerce cinese che si prepara a fare il suo ingresso a Wall Street a settembre e che sta facendo “shopping” tra le tech companies della Silicon Valley: il colosso cinese ha già investito concretamente su un’altra app di messaggistica, Tango, mentre nelle ultime ore ha declinato il suo interesse per Snapchat (fonte @re/code).

Bolt e Slingshot di Facebook a confronto

Bolt non è stata accostata soltanto a Snapchat ma anche a Slingshot di Facebook, l’app che non consente di visualizzare le foto che i tuoi amici ti inviano a meno che non tu non ne invii una a tua volta.

Un paradosso vedere due app così simili nascere praticamente sotto lo stesso tetto, quello appunto di Facebook!

Un altro aspetto singolare è il fatto che per iscriversi a Bolt, l’app richiede un numero di telefono, non un login su Facebook o Instagram.

Bolt utilizza l’elenco dei contatti del telefono per creare un elenco di persone a cui è possibile inviare i propri media, cioè foto o video. Una volta che si scatta una foto o un video utilizzando la fotocamera di Bolt, si vedono i propri contatti in una riga nella parte inferiore dello schermo. Basta toccare una volta per inviare.

Chi riceve il messaggio, lo visualizza per poi vederlo scomparire subito dopo. Beh, sì, questo lo avevate già intuito, no? 😉 

Qui in Italia non ci resta che attendere lo sviluppo di questa fase sperimentale prima di giudicare Bolt: intanto gli app store ci offrono così tante alternative di chat che c’è solo l’imbarazzo della scelta. O forse torneremo ad usare i buoni cari vecchi SMS