La Battaglia delle Idee 2014: Alice Soru e il networking territoriale [INTERVISTA]

Come trasformare la propria startup in un??azienda innovativa operante sul territorio.

Massimo Sommella

Editor & Project Manager Ninja Marketing

Nel Day1 della #BattleSA sarà il turno anche di Alice SoruHead of Open Campus Tiscali – un progetto nato a Cagliari e volto ad offrire programmi di accelerazione per startup digitali, spazi di coworking e un ricco calendario di eventi per tutti gli appassionati d’innovazione e creatività. L’intervento di Alice, programmato per le 16:30 di sabato 5 luglio al Teatro Ghirelli di Salerno, è intitolato “Come fare coworking e networking sul territorio“.

Se vuoi partecipare all’evento, prenota il tuo ticket gratuito qui! 

Quali sono le responsabilità di un’organizzazione che voglia farsi centro aggregante della scena startup sul territorio?

Sicuramente la prima responsabilità è quella di individuare i punti di forza e di debolezza specifici del proprio territorio e lavorare su questi senza tentare di replicare modelli esterni. Spesso si parla di “come ricreare una Silicon Valley” in un determinato territorio, ma la Silicon Valley è un contesto unico al mondo con una serie di caratteristiche storiche, culturali, economiche che hanno contribuito a creare l’ecosistema più fertile al mondo per l’innovazione tecnologica.

Noi a Cagliari abbiamo un’altra storia, fatta di ricerca, di casi di eccellenza nel digitale e di piccola impresa tradizionale e credo che la nostra responsabilità sia lavorare su questi aspetti: abbiamo una forte cultura digitale e dobbiamo essere in grado di trasmetterla alla piccola e media impresa che oggi fa fatica a rimanere al passo coi tempi; abbiamo un problema di “cultura d’impresa” e quindi dovremmo lavorare sulla diffusione di una maggiore propensione al rischio e sulla “capacity” dei nostri giovani.

Eventi, weekend, competition, fiere: qual è il tuo giudizio della scena startup italiana?

In questi ultimi anni si stanno sicuramente muovendo tante cose. C’è finalmente una normativa più chiara e ci sono una serie di agevolazioni fiscali per le startup innovative. Sarebbe impossibile per qualsiasi startupper seguire il calendario di eventi sempre più ricco.  A mio avviso va bene che ci siano tanti eventi e tante opportunità di entrare in contatto con questo mondo. L’importante è che contestualmente vada avanti il lavoro sulla normativa e sull’attrazione e la creazione di nuovi capitali di investimento.

Da Open Campus, su di un’isola, un’importante lezione di networking e collegamento col resto del paese. Quali sono i suoi principi ispiratori?

SI è vero, noi siamo ubicati in un’isola ma operiamo nell’ambito dell’ITC e del digitale e attraverso internet i concetti di ‘centro’ e ‘periferia’ vengono un po’ a cadere. Inoltre, Open Campus si trova a Cagliari, una città dove dall’inizio degli anni 90 c’è stata una vera e propria rivoluzione digitale:  il CRS4 di Carlo Rubbia, L’Unione Sarda, il primo giornale in Europa ad andare online, Video on Line, il primo ISP in Italia e poi Tiscali che dopo 15 anni ha ancora il suo quartier generale a Cagliari e oggi, attraverso Open Campus, continua a sostenere il fermento digitale del territorio.

Talento, idee, conoscenza, sono valori che non hanno una localizzazione fisica e si trovano distribuiti in egual misura dal nord al sud d’Italia! Con Open Campus lavoriamo tutti i giorni con questi valori bene in mente, cercando di portare avanti progetti che usino internet come strumento di conoscenza e di miglioramento della nostra vita.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?