Startup Revolutionary Road per fare crescere l'imprenditorialità digitale

La finale di Innovaction Lab Lombardia e i risultati delle hackathon presentati all'evento Think Build Grow che si è svolto il 16 giugno a Milano


Diffondere la cultura del digitale e dell’innovazione. Questo l’obiettivo di Startup Revolutionary Road, programma nato nel 2013 grazie al finanziamento di Microsoft YouthsPark e Fondazione Cariplo. La domanda è: come raggiungere questo obiettivo? Coinvolgendo realtà in tutto il territorio italiano, capaci di veicolare, attraverso format innovativi, le motivazioni, le metodologie e l’attitudine all’imprenditorialità.

Startup Revolutionary Road

Startup Revolutionary Road è un’iniziativa che nasce con la volontà di offrire concrete opportunità di formazione tecnica e di business per consentire a centinaia di giovani italiani di creare più agevolmente nuove startup afferenti al mondo tecnologico: il progetto ha l’ambizione di supportare la strategia occupazionale del sistema Paese contribuendo alla riduzione del digital divide e alla creazione di nuovi posti di lavoro. L’obiettivo dell’edizione 2014 è raggiungere ulteriori 22mila giovani, formarne altri 2.600 durante le Startup School e creare 900 nuovi posti di lavoro.

Per raggiungere tali obiettivi sono stati coinvolti realtà quali l’Incubatore Imprese Innovative Politecnico Torino, PoliHUB, Fondazione Filarete, InnovActionLab, ItaliaCamp e BarCamper,

Ad ognuno di essi è stato affidato il non semplice compito di sviluppare format per coinvolgere i giovani e introdurli alle opportunità dell’imprenditorità legata alle tecnologie.

A sei mesi dell’avvio del progetto, il 16 giugno si è svolto a Milano Think.Build.Grow, un evento di presentazione delle attività svolte dai partner. In particolare è emersa l’importanza di format coinvolgenti e immersivi, quali le hackathon e il programma trimestrale di formazione di InnovactionLab.

Le hackthon: da Publish alle Jam

Gli incubatori universitari del Politecnico di Torino e di Milano hanno ospitato due diverse hackathon, quelle dedicate al mondo dei videogiochi, come la Global Game Jam e ai serious game, come la Turin JamToday, o come Publish, finalizzata a sviluppare app per Windows Phone e Windows 8.

L’obiettivo delle hackathon, ovvero delle maratone di sviluppo che durano da 24 a 56 ore, è stimolare processi innovativi a partire da un tema proposto dagli organizzatori all’interno di team creati durante l’evento stesso.

Nate all’interno delle culture di sviluppatori come momento creativo svincolato dalle esigenze di clienti e di budget, negli ultimi anni sono state integrate all’interno dei processi di innovazione aziendale. Sembra infatti che anche il Like di Facebook sia stato partorito durante un’hackathon aziendale, come spiega il prof. Pier Luca Lanzi, organizzatore della Jam milanese.



Un esempio più vicino a noi, il caso di Ennova, startup piemontese tra le 21 startup innovative con più di 1 milione di fatturato, che ha partecipato all’hackathon Microsoft Publish per sviluppare un nuovo servizio con il supporto dei mentor Microsoft.



La mentorship, assieme all’idea generation e al team building, è infatti un elemento fondamentale del format. Gli stessi elementi propri delle hackathon sono presenti anche nei corsi di Innovaction Lab.

Innovaction Lab: il corso che comincia con una sfida a rugby

Il partner romano Innovaction Lab ha sviluppato un corso di formazione trimestrale rivolto a studenti universitari e finalizzato allo sviluppo di idee per essere presentate agli investitori.

Anche in questo caso la prima fase è quella del team building, che avviene in un campo da rugbi.


Seguono tre mesi dedicati a lezioni e prove di pitch, per preparare i team alla presentazione finale, che, per quanto riguarda l’edizione lombarda, si è svolta durante lo stesso evento Think.Build.Grow.

A contendersi la possibilità di vincere un Tour in Israele per incontrare startup, fondi e centri di sviluppo, 6 startup:

yoursmartADV: servizio che permette agli utenti di risparmiare fino a 10 euro ogni mese sul proprio contratto in abbonamento grazie alla pubblicità sulla propria schermata di blocco.
Nappee: la piattaforma online che semplifica la vita ai genitori, con offerte di prodotti, servizi ed informazioni mirate al momento giusto.
Mamau: il servizio di take away di cibi fatti in casa.
Solo: sistema di pagamento mobile.
Makeit Land: portale di videotutorial per il fai da te dedicato alle donne.
Tickete: app che consente di guadagnare dagli acquisti effettuati fotografando lo scontrino.

A salire sul podio solo, prima classificata e, a parimerito, yousmartADV e Tickete, che parteciperanno alla finale di Innovaction Lab a Roma il 23 giugno.

Il calendario degli eventi

Se siete interessati a partecipare alle attività di Startup Revolutionary Road, potete consultare il calendario degli eventi online, e trovare quello più vicino a voi.