The Game Before the Game, lo spot Beats SOLO 2014

Per Beats SOLO14 sport, sesso e sound tutto ciò che serve per entrare nell'Olimpo dell'advertising

Roberta Leone
Roberta Leone

Communication Executive & Copywriter

spot SOLO 2014Ecco il nuovo spot per Beats SOLO14, il vero vincitore di questo mondiale

Dei mondiali in Brasile è già stato detto tutto (o quasi): l’inno ufficiale, le formazioni e da tempo molti dicono di sapere già chi vincerà. Ma se “Fu vera gloria? Ai posteri l’ardua sentenza” ciò di cui dobbiamo davvero preoccuparci è quello che rimarrà quando il triplice fischio dell’arbitro decreterà il vincitore e la sbornia Carioca finirà.

The Game before the Game.

Allo stato attuale c’è stata solo più polemica che festa e, se il risultato è davvero così scontato, l’inno (con buona pace di J.Lo e Pitbull) non sembra travolgente come lo fu il Waka Waka con l’ancheggiare  di Shakira. Niente paurà però: arriva “The Game Before the Game” lo spot delle cuffie Beats SOLO 2014 di Beats Electronics – la società del rapper americano Dr. Dre di recente acquisita dal gigante Apple – che sfrutta la volata di FIFA 2014 ma senza citarla direttamente in quanto non è sponsor ufficiale dell’evento.

Realizzato dall’agenzia R/GA, possiamo vedere un video di cinque minuti, un crescendo verdiano fatto di amore paterno, calcio, religione, blasfemia, muscoli sudati e sesso il tutto condito da un sound pazzesco (per la colonna sonora si è scelto The Jungle di X Ambassador e Jamie N Commons) un iphone 5s e le mitiche Beats SOLO 2014. Ed ecco la ricetta del successo, forse il miglior spot realizzato per questa Coppa del Mondo.

Ecco i protagonisti!

La parte più emozionante – difficile scegliere tra tutte – rimane la telefonata tra Neymar Jr. (probabilmente il futuro eroe di questo mondiale) e suo padre che con quel “Corri come fosse l’ultimo giorno della tua vita“, unito all’immagine della luce che si intravvede alla fine degli spogliatoi fa tanto gladiatore che entra nell’arena per sfidare l’impero. Dopo di lui tantissimi grandi nomi dello sport e tifosi impegnati in una miriade di rituali pre-partita, tutti però caricandosi con la musica giusta e soprattutto con le cuffie giuste. Tra gli altri protagonisti spiccano la tennista americana Serena Williams intenta a laccarsi le unghie, Luis Alberto Suarez che bacia il tatuaggio che ha sul polso con i nomi dei figli e Cesc Fabregas che poggia le labbra  sull’anello donatogli dalla fidanzata.

Un video tutto da godere.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?