Turkish Airlines: niente prezzi o promozioni, si raccontano sogni [VIDEO]

Un altro eccellente esempio del valore delle storie in pubblicità.

Turkish Airlines: niente prezzi o promozioni, si raccontano sogni [VIDEO]

Non c’è bambino sul quale treni, aerei, e qualsiasi altro enorme mezzo di trasporto non esercitino un un grande fascino. Soprattutto quando non si ha la possibilità di ammirarli da vicino, come i piccoli protagonisti dell’ultimo spot di Turkish Airlines.

Affascinati dai giganti del cielo che sfrecciano sopra le loro teste ogni giorno, i quattro ragazzini turchi si ingegnano per costruire una pista d’atterraggio appena fuori dal loro paese, con tanto di segnaletica e luci. E un giorno, il loro sogno si avvera.

Turkish Airlines: niente prezzi o promozioni, si raccontano sogni [VIDEO]

Turkish Airlines: niente prezzi o promozioni, si raccontano sogni [VIDEO]

Turkish Airlines: niente prezzi o promozioni, si raccontano sogni [VIDEO]

Turkish Airlines: niente prezzi o promozioni, si raccontano sogni [VIDEO]

Turkish Airlines: niente prezzi o promozioni, si raccontano sogni [VIDEO]

Turkish Airlines: niente prezzi o promozioni, si raccontano sogni [VIDEO]

La morale della storia? Ce la raccontano Lowe Istanbul e Turkish Airlines alla fine dello spot: “Che senso ha volare verso così tante destinazioni nel mondo, se non arriviamo dappertutto in Turchia?“.

Lo spot, che vuole quindi pubblicizzare le nuove destinazioni locali della compagnia di bandiera turca, si differenzia nettamente dai precedenti che facevano sfoggio di grandi protagonisti internazionali come Lionel Messi o Kobe Bryant.

Un ritorno alle origini che si adatta bene al messaggio di comunicare e al suo pubblico.