F**k the poor: quando insultare i poveri è a fin di bene

Quale è il miglior modo per aiutare i poveri? Non passare inosservati!

fuck the poor

Quale può essere il miglior modo per aiutare i poveri? Non passare inosservati!

Nel Regno Unito il Pilion Trust, un ente di beneficenza, ha condotto un esperimento sociale sulla reazione delle persone alla vista di un messaggio forte contro i poveri: “F**k the poor”.

I riscontri dei passanti non si sono fatti attendere, sembrava che tutti avessero a cuore l’argomento manifestando le proprie opinioni anche in modo aggressivo aggettivando l’uomo come “sgradevole” e “disgustoso”, fino a chiedere di allontanarsi addirittura con l’aiuto delle forze dell’ordine inglesi.

help the poor

In un secondo momento il cartellone è stato capovolto rivelando un altro messaggio: “Help the poor”, raccogliendo soltanto monetine e tantissima indifferenza tra i passanti.

Il tutto è stato ripreso e montato in uno spot con la collaborazione dell’agenzia pubblicitaria Publicis per porre l’attenzione sui tagli del governo britannico all’ente benefico e per sottolineare il bigottismo delle persone soprattutto quando viene chiesto direttamente di fare qualcosa di concreto.

Lo spot è stato subito pubblicato su Youtube ottenendo oltre tre milioni di visualizzazioni in pochi giorni e più di 2000 commenti. In più per tutto il mese di aprile lo spot verrà mostrato nelle sale cinematografiche.

Il chief executive di Pilion Trust, Savvas Panas, ha commentato: “Siamo consapevoli che alcuni possono essere scioccati da questo filmato, ma siamo più offesi del fatto che persone in tutto il Regno Unito vivono in situazioni avverse”.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?