Arriva il primo TEDxMatera con "Ancien Future": un'anteprima

Mentre il prestigioso evento si prepara ad atterrare nei Sassi il 20 maggio prossimo, abbiamo chiesto alla sua organizzatrice di condividere con noi qualche riflessione


Con il sostegno delle autonomie locali e grazie all’organizzazione di Mariapia Ebreo, il prossimo 20 maggio sarà Matera la location del primo TEDx lucano.
Lì, ospiti di rilevanza internazionale proporranno idee di grande valore all’interno del consueto format, progettato per assicurare autorevolezza e parità di trattamento fra tutti gli interventi.

TED, infatti, è l’organizzazione no-profit dedicata alla diffusione di Idee di Valore, nata in California venticinque anni fa, e le sue conferenze costituiscono un appuntamento annuale a cui sono invitati a partecipare i world’s leading thinkers and doers, con interventi di 18 minuti ciascuno.

TEDx è l’acronimo di Technology Entertainment e Design, e si riferisce ad un format di eventi che hanno l’obiettivo di diffondere idee di valore, e la x sottolinea che si tratta di eventi organizzati in modo indipendente, a livello locale, che consentono di condividere l’esperienza del TED con un impatto in un determinato territorio.

Sulla scorta di questa formula, quindi, il TEDxMatera proporrà dieci speaker, protagonisti di diversi punti di vista sul tema dell’Ancien Future, in una location simbolo dell’unione tra tradizione e innovazione, a Casa Cava, nei Sassi di Matera, che sono tra l’altro patrimonio dell’Umanità Unesco.

Gli speaker


I TEDTalks si alterneranno in modo da stimolare confronti e connections con i partecipanti e saranno condotti, tra gli altri, da:

Nicoletta Iacobacci, Head of Future Media dell’European Broadcasting Union

Dale Herigstadt, Mente creativa che ha concepito l’interfaccia grafica di Minority Report, il film di Spielberg

Barbara Serra, giornalista di Al Jazeera English

Federico Ferrandina, musicista materano

Giampiero Gramaglia, direttore di Euractiv.it e già direttore Ansa

Alex Giordano, fondatore NinjaMarketing e direttore del Centro di Etnografia Digitale.

About TEDxMatera: risponde Mariapia Ebreo


Cosa significa realizzare a Matera un evento importante come il TED, sia da lucana che da professionista della comunicazione?

Matera è “il luogo ideale” in cui far confluire “idee che meritano di essere condivise”. TEDxMatera nasce dalla volontà di puntare l’attenzione sulle piccole realtà che, proprio come Matera e la Basilicata tutta, sono dotate di vocazioni e talenti, che meritano di essere valorizzati e comunicati. Dieci storie di valore saranno raccontate sul palco del TEDxMatera, per gli attenees, gli ospiti presenti, e per la platea “online” che il circuito dei video TEDx raggiunge a livello internazionale.

L’obiettivo vorrebbe essere quello di “portare stimoli di riflessione”, spunti di ragionamento, che consentano a tutti di rivalutare, a livello personale e di territorio, le proprie qualità e le occasioni di crescita e sviluppo. Per me, materana, “migrante e tornante”, giornalista prestata alla comunicazione, questa esperienza rappresenta esattamente questo: un’occasione per mettere a valore delle esperienze, che nel mio caso sono quelle del TEDxTransmedia, a cui ho collaborato per le edizioni del 2012 e 2013 a Roma, e farne uno strumento di crescita e maturazione, personale e professionale.

Perché hai scelto proprio un tema come “Ancient Future” come filo conduttore degli interventi?

Ancient Future è quello che ho respirato, ogni giorno, vivendo, crescendo e lavorando a Matera. La terza città più antica del mondo, che ospita un centro ASI, è una specie di bellissimo ossimoro, che ritrovi poi nella mentalità, nelle persone, nelle abitudini. Provare a sciogliere questo punto, capire quanto i due mondi possano dialogare davvero, o capirne le distanze reali, e crearne valore, questo mi è sembrato un bel punto di partenza per cominciare il percorso del TEDxMatera.

Che tipo di impatto pensi avrà un TEDx in Basilicata?

Matera mi ha piacevolmente stupito, per l’attenzione che ha voluto dedicare all’evento. E la Basilicata ha confermato questo bel “mood” di accoglienza e disponibilità rispetto ad una idea, quella del TEDxMatera, che per la prima volta porta questo tipo di Conference in una terra ricca di talenti che meritano, davvero, di essere “condivisi”.

Tutti questi elementi sono stati già confermati quando si è scatenato, in maniera del tutto spontanea, il buzz nei confronti di questo evento non appena si è iniziata a diffondere la voce intorno alla sua realizzazione nella città di Matera, raccolto poi in uno storify, precedente al lancio ufficiale al Forum della Comunicazione di Milano di due giorni fa.

I preparativi del TEDxMatera sono, quindi, in corso e presto sarà lanciato il sito tedxmatera.com dove sarà possibile trovare tutte le informazioni relative gli interventi e l’organizzazione.
Intanto il TEDxMatera si può seguire anche su Facebook o su Twitter.