Super Bowl: i brand che hanno vinto [INFOGRAFICA]

Un interessante studio di ListenFirst per Ad Age ci aiuta a valutare il successo degli spot andati in onda durante il Super Bowl

Sul campo di gioco hanno vinto i Seattle Seahawks assicurandosi così la gloria, ma quanti fan hanno davvero conquistato i brand che sono scesi in campo durante questo ultimo Super Bowl?

Budweiser ha stracciato tutte le altre marche per quanto riguarda il gradimento degli spot e la condivisione sui social media dei contenuti trasmessi durante il match.

Raggiungendo una media di 47 TPM (tweets per minute) Budweiser ha riscosso un enorme consenso grazie principalmente allo spot ‘Puppy Love’ che è diventato virale già prima della messa in onda.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=uQB7QRyF4p4′]

Ma non è tutto oro ciò che luccica, un recente sondaggio ha portato a galla che il chiacchierato spot sopra non ha portato i consumatori a consumare più buds, anzi molti degli intervistati hanno dichiarato di aver avuto meno voglia di scolarsene una nei giorni successivi al grande match di quanta ne avessero prima di aver visto lo spot.

Le grandi aziende sono sempre alla ricerca di fan e follower e diventare fan di un marchio è molto più rilevante che il semplice condividere le pubblicità che ci sono piaciute sui social media. Non esiste una formula sicura per poter determinare a priori in termini quantificabili il successo di una pubblicità sulle varie piattaforme e purtroppo un like non è per sempre.

Nonostante ciò uno degli indicatori più significativi per le aziende è la presa visione da parte utente di volersi affiliare al brand tramite le varie pagine ufficiali presenti sulla rete.
Detto questo, dopo un evento come il Super Bowl diamo un’ occhiata alle statistiche per valutare chi ha svolto il lavoro migliore.

Al fine di quantificare il grado di successo delle pubblicità, ListenFirst ha effettuato questo studio per Ad Age monitorando dal calcio di inizio del Super Bowl fino allo scorso martedì l’andamento delle pagine Facebook, i follower di Instagram e Twitter e infine gli iscritti al canale YouTube dei vari brand che hanno trasmesso i propri spot durante il match.

Il Co-fondatore e Co-direttore di ListenFirst Jason Klain ha dichiarato

Quando al mattino si fanno i conti per ricapitolare la situazione è facile confondersi e rimanere incastrati nelle proprie idee su quale spot sia andato meglio e quale sia andato peggio basandosi sulle proprie impressioni. Noi crediamo in una visione  a lungo termine che guarda alla crescita dei brand e delle social community. Dopotutto non sono solamente effimeri momenti di interazione con i fan attraverso video o tweet ma riguarda l’acquisizione di fan e di come i brand parlino e intrattengano relazioni a lungo termine con loro.

I risultati parlano chiaro: i vincitori del Super Bowl sono stati Budweiser, Coca-Cola, Chervolet ed Ensurance.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=443Vy3I0gJs’]

Abbiamo già parlato di Budweiser e del suo indicusso successo. Coca-Cola dal canto suo ha dimostrato di saper raccogliere fan e follower a destra e a manca, ottenendo un ottimo +0.20%, considerando l’insieme di tutte le piattaforme social.

Il risultato sembra bassino di primo acchito ma deve essere visto sotto la luce del già gigantesco bacino di utenti che segue il brand. Avendo già milioni di fan è difficile riuscere ad incrementare di molto la percentuale degli stessi, tuttavia un notevole aumento dello 0.17% è stato riscontrato sulla pagina di Facebook.

Chevrolet è la compagnia che ha ottenuto le percentuali maggiori su tutte e quattro le piattaforme con un’impennata piuttosto rilevante. Per quanto riguarda Facebook l’azienda automobilistica statunitense si classifica prima in termini percentuali chiudendo con un rispettabilissimo +2.17%.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=dOMrA-BGuLY’]

Ensurance ha letteralmente sbancato su Twitter grazie ad una campagna molto semplice, ma anche estremamente efficace. La compagnia assicurativa Americana ha infatti offerto la possibilità di vincere 1.5 milioni di dollari, cifra equivalente al denaro risparmiato con la posticipazione della messa in onda dello spot a partita conclusa.

Per poter vincere le regole erano semplici: twittare “#Esurance30” per poter partecipare alla vincita della cospicua sommetta.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=NWAzi8w1HD0′]

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?