Content Marketing: previsioni per il 2014

Come si evolveranno le strategie di content marketing nel 2014?

Thinglass/iStock

Anno nuovo, vita nuova. E predizioni per i mesi a venire. Ad inizio anno non posso mancare i dibattiti su cosa ci aspetta nel 2014, su che tipo di campagne ci faranno sbalordire e quali strategie saranno adottate in merito a vecchi e nuovi mezzi di comunicazione.

Se nel 2013 abbiamo assistito ad interessanti esempi di content marketing e campagne pubblicitarie fondate sul celebre motto “Content is King”, il 2014 non può essere da meno.

Cos’è il content marketing?

Prima di cominciare con le predizioni, definiamo cos’è il content marketing, visto che negli ultimi mesi se ne è parlato così tanto.

Il content marketing consiste nel fornire informazioni o contenuti a clienti attuali e potenziali al fine di costruire fiducia, awareness e sentiment positivo.
L’obiettivo principale non è la vendita in sé, ma la costruzione di un rapporto a lungo termine con i consumatori.

Gli strumenti che di solito vengono utilizzati in una strategia di marketing dei contenuti includono:
• Blog
• E-book
• Newsletter
• Presentazioni
• Podcast
• Video
• Social media
• Webinar
• White paper

Allora, dove è diretto il marketing dei contenuti? Quali sono i trend a cui assisteremo nel 2014? Quali saranno le nuove tattiche da implementare in una strategia di social media marketing?

Ecco qualche previsione:

Più budget e più ruoli per il content marketing

Le aziende hanno ormai preso consapevolezza che il content marketing è la giusta strada da seguire per fare breccia nel cuore dei propri consumatori. Questo significa investimenti più alti in questo settore e ricerca di persone competenti: Content Marketing Manager, Director of Content e Chief Content Officer sono solo alcuni dei ruoli più richiesti.

La sfida sarà sul mobile

Vectorikart/iStock

Con la previsione secondo cui il mobile supererà l’utilizzo di desktop entro i prossimi due anni, implementare il mobile in una solida strategia di contenuti non è più un’opzione.
La creazione di contenuti che possano essere letti da mobile diventerà sempre più importante, e ciò significa utilizzare una formattazione mobile-friendly e scrivere post di blog più brevi e fruibili.

Inoltre, con l’aumento di utilizzo dei dispositivi mobile, gli smartphone abilitati per GPS saranno sempre più utilizzati per ricevere informazioni e offerte in base alla posizione corrente dell’utente. Questa pratica già esiste e si diffonderà entro la fine del 2014.

Google+ e Slideshare saranno gli strumenti più utilizzati per il B2B

Secondo il Content Marketing Institute, anche le aziende che operano nel B2B utilizzano sempre di più i social media per promuovere i contenuti. Considerata l’ulteriore crescita di Google prevista per i prossimi mesi, il social network di Big G diventerà uno strumento ancora più importante.

Sempre più contenuti visuali

Con così tanti contenuti che vengono pubblicati online, ora è necessario essere in grado di catturare l’attenzione del pubblico. Come? Con i contenuti visuali, dato che è noto che il 67% dei consumatori sono più attratti da immagini chiare e dettagliate rispetto ad informazioni scritte e che i post con immagini raggiungono un engagement maggiore rispetto a quelli senza.

Ciò significa più infografiche, slideshare, gif, video da condividere su piattaforme fresche e immediate come Vine e Instagram.

L’importanza di SEO e Hashtag

TimHesterPhotography/iStock

Quando si parla di contenuti, è ovvio che lo step successivo alla pubblicazione sia la necessità di renderli accessibili, non solo attraverso la ricerca su Google, ma anche sulle piattaforme social. Ormai le persone cercano contenuti direttamente su Facebook, Pinterest, Instagram & Co, quindi è importante utilizzare parole chiave e hashtag per assicurarsi che i contenuti condivisi sui social network vengano trovati.

Interattività e Gamification

Il content marketing continuerà a concentrarsi su contenuti interattivi, e cosa c’è di più interattivo di un gioco? La gamification è un modo per sfruttare il naturale desiderio di competere, e di vincere.

Vedremo, quindi, molti contest, sia sui social network, in particolare Facebook, sia sui siti, che permettano ai brand di estendere la propria community online.

Saranno corrette queste previsioni? Lo scopriremo a fine 2014 quando sarà il momento di tirare le somme!

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?