Offerte e promozioni via digital direct marketing

Qualche consiglio da ContactLab su come veicolare le promozioni nelle campagne email.




alphaspirit/iStock

Il nostro secondo appuntamento sui trend del digital direct marketing prosegue prendendo spunto da un altro dato rilevato nell’European Digital Behaviour StudyCapitolo Email Marketing.
Perché gli utenti si iscrivono ad una newsletter scegliendo di restare in contatto con i brand di proprio interesse attraverso il canale email?

Se per alcuni utenti la ragione determinante è la possibilità di seguire da vicino la storia e l’evoluzione dei brand preferiti – ne abbiamo già parlato nel primo approfondimentotre utenti su cinque lasciano il proprio indirizzo email per ricevere nella propria inbox promozioni e offerte speciali. E spesso le segnalano ai propri amici sui social network, se è vero che il 18% degli iscritti alle newsletter ne condivide i contenuti proprio quando trova promozioni interessanti.

La percezione della comodità del servizio, che consente di risparmiare tempo raccogliendo una selezione di informazioni rilevanti per l’utente su prodotti o servizi di suo interesse, è un’ulteriore motivazione per il 31% degli utenti italiani.
Un’altra fetta di utenti (45%) indica tra le ragioni principali che li hanno indotti ad iscriversi la possibilità di ricevere nello specifico buoni sconto e coupon.

Passiamo allora in rassegna alcuni spunti strategici su come veicolare le promozioni nelle vostre campagne email:
– anticipare un riferimento all’offerta già nel subject e rafforzare il messaggio nel pre-header
– comunicare l’urgenza, specificando che l’offerta ha una durata limitata nel tempo
– costruire uno o più messaggi di countdown fino alla scadenza della promozione
– mettere in evidenza il prodotto, sottolineandone caratteristiche e i vantaggi e inserendo call to action specifiche
– favorire la condivisione della comunicazione sui canali social attraverso le opzioni di share this

Non dimenticate in ogni caso che se anche la promozione messa in evidenza non riscontrerà l’interesse dell’utente, avete sempre la possibilità di generare conversioni: offrite link alternativi, magari replicando il menu del sito all’interno dell’email o invitatelo a navigare per categorie di prodotto complementari. Il 45% degli utenti iscritti ad almeno una newsletter dichiara di cliccare sull’email ricevuta e visitare il sito per vedere tutte le offerte, anche se non in promozione.

Vediamo ora alcuni esempi di comunicazioni ed evidenziamo le best practice nello sviluppo dei contenuti (subject e pre-header) grazie alla piattaforma di benchmarking NewsletterMonitor.

Androsov Konstantin/iStock

L’anticipazione della promessa nel subject:

Disney 13.12.13
Subject | Solo per oggi 20% di sconto su Disneystore.it

Unieuro 24.10.13
Subject | Scopri i prodotti della promozione AL COSTO! LI PAGATE COME NOI

Zalando 11.11.13
Subject | Stivaletti: anche il tuo numero è in promozione!

Il rafforzamento del messaggio nel pre-header:

Gap 25.10.13
Subject | Offerta esclusiva: Extra 20% di sconto dal prezzo in Promozione
Pre-header | Promozione Gap: sconti stagionali fino al 60% + Extra 20% di sconto dal prezzo in Promozione

Pimkie 28.10.13
Subject | Offerta eccezionale: -20%, -30% sui pezzi sopra
Pre-header | -20% per 2 capi, -30% per 3 fai il pieno di pezzi sopra!

L’evidenza sulla durata limitata nel tempo:

illy 14.09.13
Subject | 48 ore in promozione per farti sentire di nuovo in vacanza
Pre-header | Scegli il tuo caffè preferito e approfitta della promozione fino alla mezzanotte di domenica

Le aspettative e le esigenze degli utenti sono diverse: il nostro consiglio è quello di trovare il giusto equilibrio e contribuire a costruire un rapporto di fiducia, accompagnando l’utente nel ciclo di vita con messaggi diversificati (da quelli informativi, a quelli promozionali, a quelli più specificatamente mirati a potenziare l’engagement).

A presto con un nuovo approfondimento!



VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?