Come promuovere la propria app tramite e-mail marketing

Se utilizzato in un’ottica di storytelling avvincente e dialogo costante con i propri contatti, l’e-mail marketing può garantire a costi contenuti una diffusione effettiva e misurabile.

iStock/Cienpies Design

Lanciare un prodotto ai tempi della rete e della coda lunga, si sa, è impresa colossale e complessa. Inutile credere al vecchio detto “se di qualità, si vende da solo”. Nell’universo Web, se non hai la giusta visibilità o non generi il giusto passaparola si può perdere la propria scommessa in un attimo.

Focalizziamoci, ad esempio, sul lancio delle app. Chi per lavoro crea e pubblicizza nuove app sa quanto sia misterioso e talvolta magico il percorso che porta all’Olimpo dei bestseller nell’App Store o in Google Play. Posizionarsi bene negli store, tuttavia, è solo uno dei modi possibili per aumentare audience e passaparola.

L’e-mail marketing rimane ancora oggi il mezzo di promozione con il più alto ritorno di investimento (40$ ogni 1$ investito, rispetto ai 17$ e ai 2$ di keyword marketing e banneristica).

Bistrattato negli anni dei “social network ad ogni costo” per la sua presunta invasività e la minore interaction, l’e-mail marketing è tuttavia il mezzo che, se utilizzato in un’ottica di storytelling avvincente e dialogo costante con i propri contatti, può garantire a costi contenuti una diffusione effettiva e misurabile.

Tramite questi 4 semplici step, anche chi non ha esperienza di linguaggio HTML e interaction design può impostare e portare a termine una efficace campagna promozionale per promuovere la propria app.

Pre-Launch

La prima cosa da fare è scegliere un e-mail service provider, creando poi una subscription list. Meglio scegliere servizi web-based in quanto l’invio risulta più facile e veloce.

A questo punto è necessario creare una Pre-Launch Page. Pochi dettagli sulla app, un concept convincente e ovviamente un e-mail subscription form. Se avete una pagina web, integrate il form tramite servizi come LaunchRock e Unbounce, o il plugin Launchpad se usate WordPress.

Se il concept sarà avvincente e  la grafica accattivante, l’utente sarà naturalmente interessato a saperne di più. Ecco che quindi lo storytelling comincia a scalare posizioni nella vostra strategia di comunicazione.


Cominciate ora a raccogliere indirizzi e-mail da inserire nella vostra lista.

Eventi, congressi, meeting sono un bacino di potenziali utenti da fidelizzare, comunicate i vantaggi della vostra prossima app tramite blog e passaparola, offrite promozioni ai primi che la scaricheranno, fate riferimento a community di genere, chiedete agli utenti di segnalarvi altri contatti che potrebbero essere interessati, magari offrendo la possibilità di condividere su più piattaforme il form.

Beta Testing

Una settimana prima del lancio ufficiale, invitate i vostri contatti a scaricare l’app in fase beta. Spiegate loro come scaricarla e come inviare feedback di qualsiasi genere.

Offrite features personalizzate agli utenti che parteciperanno coi i loro feedback all’ottimizzazione della app. Ringraziateli con un messaggio personalizzato o inserendoli in una speciale lista nei credits. Rendeteli parte attiva del processo di creazione.

Launch

Pochi giorni prima del lancio pubblicate recensioni positive sulla app e pareri di utenti.

Il giorno del lancio ufficiale pubblicate il link di download e ideate una grafica speciale per celebrare la nascita della nuova app.

Post-Launch

Una settimana dopo il lancio ringraziate tutti gli utenti registrati, invitando loro a lasciare feedback sullo store ufficiale.

Tenete loro aggiornati con updates e nuove features. A scadenze regolari inviate loro newletter con le migliori recensioni e case legate al vostro prodotto. Offrite infine loro delle opzioni premium in caso di share e invito di altri utenti a scaricare l’app.

Una volta lanciata l’app, non perdete il filo diretto con i vostri utenti: continuate a dialogare (invitandoli anche nelle pagine social correlate), e rendeteli parte di una vera e propria community, ricordando che è proprio grazie a loro se il passaparola è stato innescato e offrendo quindi piccole promozioni profilate secondo le tematiche.

ARTICOLI CORRELATI

VIRAL MARKETING – Misurare il Word Of Mouth – Parte I

Rippln: cos’è e come si può guadagnare grazie alla social influence

Le 30 migliori applicazioni per iPhone 3GS [MOBILE APP]

Le novità di Facebook dell’ultimo mese

Cibando, la startup sulla bocca di tutti [INTERVISTA]

Commenta

adv
Corso Online in E-Commerce Management