Marketing Low Cost: Alessandro Martemucci presenta il Corso Online di Ninja Academy

I consigli di Alessandro Martemucci per ottenere il massimo con il minimo investimento.

Silvia Carbone
Silvia Carbone

Marketing Manager @ Ninja Academy

Ve lo abbiamo già anticipato all’interno del post di presentazione: nel corso del mese di ottobre la Ninja Academy vi porterà alla scoperta degli strumenti, delle tecniche e delle strategie per ottenere il massimo con il minimo investimento!

La filosofia del Marketing Low Cost parte da qui: insegnare a non ridurre i prezzi a fronte di una diminuzione della qualità. Invece di tagliare i costi, diventa prioritario ripensare le azioni quotidiane, allocando in maniera ottimale tutte le risorse disponibili.

Il Ninja Corso Online in Marketing Low Cost per PMI & Startup – che comincia lunedì 7 ottobre e si conclude giovedì 24 ottobre, vi dà la possibilità di interagire direttamente con il docente Alessandro Martemucci grazie ai Question Time e di scaricare l’attestato di partecipazione previo superamento di un test di valutazione.

Per l’occasione, ho avuto il piacere di confrontarmi direttamente con Alessandro Martemucci per svelarvi qualche chicca in anteprima: ecco cosa mi hanno raccontato..

Prima di leggere la sua intervista, ne approfitto per ricordarvi che lo SCONTO Early Booking è valido entro il 30 settembre (oltre alle ulteriori scontistiche e ai bonus Ninja se avete già frequentato uno o più corsi Academy).

Ciao Alessandro, puoi spiegare ai nostri lettori cos’è il Marketing Low Cost?

Il marketing low cost è un nuovo approccio che mira ottimizzare e valorizzare in modo efficace le leve del marketing e della comunicazione creando un valore a vantaggio dell’azienda e dei suoi clienti. Un valore generato dall’ottimizzazione delle risorse, dall’eliminazione tutti i costi superflui che incidono sull’offerta verso i consumatori attraverso nuove idee semplici e a basso costo che migliorano i profitti promuovendo efficacemente prodotti e servizi.

Low Cost non vuol dire Low Price ovvero riduzione di prezzi a fronte di una diminuzione della qualità del prodotto o del servizio, ma al contrario implica nuovi processi da seguire per trasferire il massimo valore al cliente con il minimo investimento. Quindi viene rimesso tutto in discussione nel progettare ogni azione: dal carattere utilizzato per stampare i documenti, all’etichettatura, al packaging, al sito internet e social media, al co-marketing per abbattere le spese di stampa e distribuzione.

“Del marketing non si butta via niente”: cosa intendi con questa definizione?

Come accade per il suino di cui “non si butta via niente”, così il Marketing Low Cost ottimizza le risorse mantenendo elevato il livello qualitativo dell’offerta. La filosofia di Marketing Low Cost, è la stessa, vuol dire essere attenti a tutto rivitalizzando i mezzi minori o obsoleti, cercando di applicare i principi del “lean thinking” (pensiero snello) e recuperando anche gli “scarti” apportando nuove ed originali idee che generano valore, ottenendo così il massimo della visibilità con il minimo degli investimenti scommettendo sull’innovazione, la risorsa chiave per ogni azienda.

In questo nuovo scenario di mercato, caratterizzato da una congiuntura economica sfavorevole, non è più sufficiente tagliare i costi ma è molto più importante sfruttare in maniera ottimale le risorse disponibili, recuperando e riutilizzando tutto quello che è già presente in azienda economizzando le spese, sfruttando l’innovazione e l’open source.

Ci daresti 3 esempi di strumenti di marketing e comunicazione che vengono utilizzati nel Marketing Low Cost?

Più che di strumenti parlerei di alcuni accorgimenti o idee a basso costo che possono dare buoni risultati:

  1. Per esempio si può sfruttare la fattura o lo scontrino come strumento di marketing one to one per stimolare nuovi acquisti o favorire la vendita di altri prodotti. La fattura è uno dei documenti a cui si fa più attenzione e viene riletta più volte per ovvi motivi e allora perché non trasformarla in uno strumento promozionale?
  2. Un’idea per promuovere un prodotto presso le famiglie senza fare una campagna pubblicitaria classica, sarebbe fare un accordo di co-marketing con un produttore locale o nazionale di pasta o prodotto di largo consumo che è ben introdotto nella GDO (Grande Distribuzione Organizzata) facendo arrivare il messaggio dovunque e nelle “Mani” del consumatore.
  3. Come attivare un controllo continuo sulla mia brand reputation o sui competitor ed essere aggiornati quotidianamente sulle loro attività in modo low cost, semplice attivando Google Alert sul nome del Competitor o il nome dei suoi prodotti.

Qual è il segreto del marketing low cost di successo?

Il segreto del Marketing Low Cost di successo sta nell’adottare un modello di business d’avanguardia semplice da realizzare e adattabile ad ogni realtà aziendale che punta su efficienza, bassi costi e grande appeal commerciale. Marketing Low Cost ha un approccio molto concreto attraverso semplici tabelle o piccoli questionari che ci invitano ripensare strategicamente e trasversalmente ogni strumento di marketing cruciale per la vita aziendale, mettendo subito in pratica le competenze acquisite. Gli elementi chiave del successo a corredo sono: la passione, la costanza, l’intuizione.

Chi può beneficiare del marketing low cost?

Professionisti, piccole e medie imprese devono fare i conti con budget sempre più ristretti e con consumatori sempre più esigenti ai quali vogliono offrire prodotti e servizi di qualità a prezzi più competitivi.

Istituzioni, Comuni, Aziende Sanitarie, Enti locali, associazioni, consorzi, e organizzazioni con limitate risorse che vogliono implementare strategie di marketing e comunicazione più efficaci sfruttando tutti i mezzi a disposizione e migliorando l’organizzazione interna con un beneficio per la collettività.


SCONTO EARLY BOOKING

entro lunedì 30 settembre!  

Knowledge for change. Be Ninja!

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?