Storytelling: i passi fondamentali che (forse) ancora non conosci

Sentirsi più vicini agli utenti raccontando una storia: ecco i passi fondamentali per realizzare uno storytelling che ancora non conoscevi

Quante volte abbiamo sentito la frase “tutti hanno una storia da raccontare“? Tantissime, forse. A tutti piacciono le storie, anche – e soprattutto, sembrerebbe – agli utenti. L’ultima a lasciarsi conquistare dalla voglia di raccontare è Enel, con il suo progetto #GUERRIERI.

Lo storytelling, ovvero la metodologia basata sulle regole della narrazione, sta diventando uno strumento molto diffuso tra gli addetti ai lavori che vogliono trovare nuovi modi di comunicare con gli utenti. Vediamo i passi fondamentali che (forse) ancora non conosci.

Brainstorming

Riunisci i tuoi creativi, prepara una bella caraffa di caffè, qualche spuntino e fate il punto della situazione. Definire gli obiettivi, cosa si vuole comunicare, il messaggio e la storia che si vuole raccontare. Farsi ispirare dalla vita di tutti i giorni, lasciarsi influenzare da case study di successo e lasciare che il confronto abbia luogo sono le condizioni ideali, le idee verranno da sole.

L’importante poi è fissarle su carta, blocco note o come si vuole così da essere pronti per la fase successiva.

Pianificazione

Anche l’emozione ha bisogno di regole. Sembra un tantino esagerata a leggerla tutta d’un fiato, ma in realtà è vero: la pianificazione nello storytelling è fondamentale. Una volta raccolte le idee è necessario organizzarle e mettere a frutto la risultante della fase creativa.

Descrivere dettagliatamente tutti i passaggi dell’evoluzione della storia che si è scelto di raccontare, i personaggi e le loro caratterizzazioni e, soprattutto, i tempi con cui questa si svolgerà e i mezzi coinvolti sarà utile per seguire tutto il lavoro.

Condivisione

Se non viene condivisa con gli utenti la storia resta fine a sé stessa e nessuno la conoscerà (ovviamente!). Facendo leva sullo step precedente – una buona pianificazione, – raccontare alle persone rispettando tempi e modi sarà facile ed il successo è assicurato.

La chiave per ottenere una storia virale e che faccia presa sulle persone è la costanza, l’intenzione di divertire e di appassionare chi la segue ma, sopratutto, emozionare.

Ecco perché casi come Real Beauty Sketches di Dove hanno ottenuto milioni di visualizzazioni.

Misurazione

A questo punto il ciclo della narrazione sembra conclusosi. Invece no! E’ arrivato il momento di misurare, cioè capire quanto, effettivamente, la storia ha coinvolto gli utenti e fatto presa sul pubblico che l’ha seguita.

Il flusso creato dallo storytelling, comunque, va seguito dalla prima all’ultima fase, monitorando e classificando ogni azione in modo da rendere più semplice l’analisi e la fase di report.

Perché non abbiamo parlato di funzioni di Propp, eroi ed altro? Vogliamo approfondire il tema, ovvio. Alla prossima! :)

ARTICOLI CORRELATI

Social media e Storytelling: perchè raccontare e come farlo

Corporate video storytelling, 5 idee per i brand

Qual è la tua storia? 7 regole di storytelling per startup

Come si narra un brand: le lezioni dal corso in Corporate Storytelling

Calvino e le sue Fiabe Italiane sbarcano su Twitter

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Commenta

adv
Promo Corsi in House