Successo con l'auto-promozione in sei mosse

Promuoviti al meglio senza rischiare di essere autocelebrativo

Un‘efficace auto-promozione è qualcosa che si trova a metà strada tra il non parlare mai di se stessi e l’essere un narcisista: basta trovare il giusto equilibrio che inviti gli altri a prendere nota, ad incuriosirsi verso chi siamo e ciò che facciamo.

Scopriamo insieme alcuni consigli, a cui non avreste mai pensato, per arrivare al giusto punto di equilibrio.

1. Lascia che siano i tuoi risultati a parlare

“Le persone si preoccupano di ciò che hai fatto, non di quello che hai intenzione di fare.”

Chi non ha mai sentito questa frase? Non c’è niente di meglio che descrivere i buoni risultati raggiunti  per ottenere l’attenzione della gente.  Che problema hai risolto? Come hai portato gli altri a raggiungere un ottimo risultato?

Realizzare qualcosa di valore fa guadagnare di diritto la promozione di se stessi.

2. Fai auto-promozione con altri esempi positivi

Una tattica vincente per calamitare l’attenzione è ispirare le persone a pensare in grande, più di quanto si possa immaginare, affrontando un progetto con determinazione e passione.

Più si parla di altre persone e dei loro successi, più chi ti ascolta si sente sicuro e collegato a te, e più ti approva.  Per dirla cone le parole di Maya Angelou, figura chiave del Movimento per i diritti civili in America: “Ho imparato che la gente si dimentica quello che hai detto, la gente si dimentica quello che hai fatto, ma le persone non dimenticheranno mai come li ha fatti sentire.”

3. Parla di ciò in cui credi

“Io credo nella creazione di posti di lavoro dando il potere alle persone di sentirsi utili nel lavoro di ogni giorno” è molto diverso da “Ho iniziato da tre aziende di produzione, che impiegano 200 persone.” E ‘sottile, ma la differenza esiste.

Parlare di ciò in cui si crede strizza l’occhio alle cose realizzate, senza dire esplicitamente quello che sono. Se il pubblico è realmente interessato chiederà più informazioni.

4. Ammetti i tuoi errori

Ammettere un fallimento non è un segno di vulnerabilità, ma una delle più grandi capacità di leadership che ci sia.

Tale ammissione umanizza il percorso verso il successo. E quando ci sentiamo connessi a un’altra persona su un livello umano, è molto più probabile che insieme si possano fare grandi cose. Con autenticità e un po’ di umiltà si può andare molto lontano.

 

5. Decidi per cosa vuoi essere apprezzato

Affina le competenze che ti fanno differenziare dalla massa, questo è un punto cardine.

Il tuo compito è quello di capire e conoscere i tuoi punti di forza, ciò che realmente ti distingue dagli altri, e  valorizzarli al massimo. Se sei veramente bravo in qualcosa, la gente ti vorrà per quella abilità.

6. Cogli l’attimo giusto

E’ davvero importante sapere qual è il momento giusto per parlare di un risultato raggiunto. Se fai qualcosa di veramente grande, parlane. Comunicalo alle persone giuste e assicurati che queste ne parlino a loro volta ad altri. Si attiverà una forte promozione naturale per mezzo dell’entusiasmo e della curiosità, un passaparola fondamentale tra le persone interessate al tuo messaggio.