La pubblicità che si fa con le onde sonore mentre riposiamo [VIDEO]

In pubblicità è importante innovare. Ma questa tecnologia potrebbe essere un pò troppo?

Negli ultimi anni le varie forme di advertising non convenzionale, ambient e guerrilla di ogni tipo, ci hanno abituati alla possibilità di trova pubblicità in contesti prima impensabili. Ma l’ultima iniziativa di BBDO Düsseldorf per Sky Go ha decisamente spostato in avanti l’asticella dell’audacia, generando qualche perplessità a causa del mezzo scelto per arrivare alle menti -letteralmente- dei consumatori: i finestrini dei treni appoggiati ai quali questi riposano.

I creatori dell’agenzia tedesca hanno progettato speciali vetri per mezzi di trasporto pubblico che utilizzano un trasmettitore per rilasciare vibrazioni ad alta frequenza (che quindi non udiamo in normali condizioni) che il nostro cervello riesce a comprendere come suoni ben distinti. Basterà appoggiarsi ai finestrini per sentire una voce che ci reclamizza un prodotto, in questo caso l’app mobile Sky Go.

La deriva di questa tecnologia, chiamata “bone conduction“, verso una forma di advertising eccessivamente invasiva è dietro l’angolo. Chissà, però, che non possa essere una forma di hoax per generare traffico attorno al prodotto! Voi che ne pensate?