Una chiacchierata con iSpazio su Apple e il Mobile

Quattro chiacchiere con Daniele Cerroni, Marketing & PR Manager di iSpazio

Nel settore dei personal computer come in quello dei lettori mp3 portatili e ancor di più nel settore della telefonia, fondamentalmente il mondo dei consumatori più attenti e preparati (per intenderci: quelli che speriamo leggano anche le nostre pagine!) si divide in “chi odia” e “chi ama” Apple.

Del resto sappiamo anche noi di Ninja Marketing quanta attesa c’è dietro ogni nuovo prodotto Apple e quanto possono essere accese le discussioni tra i fan di Android e quelli della Mela ad ogni notizia che viene da Cupertino. Per questo motivo in questi ultimi mesi abbiamo portato avanti la collaborazione con iSpazio, che di device Apple se ne intende!

Daniele Cerroni (che avevamo già conosciuto con Cibando), Marketing & PR Manager di iSpazio, ci sta seguendo in questa nuova rubrica ed è per questo che con lui è nata una spontanea chiacchierata su Apple e sul mondo dei fan che gli gira intorno. Del resto iSpazio conta attualmente 1.7 milioni di utenti unici ed oltre 9 milioni di pagine visitate ogni mese: tanti lettori che costituiscono anche una community, tutti appassionati fan di Apple e che possono rivolgere anche direttamente le proprie domande e dubbi agli autori del blog come avviene nel caso del corner Genius.

Daniele, riesci a fare un profilo del “fan Apple”?

“Beh credo non esista un profilo solo del Fan di Apple ma ne esistano più di uno. I motivi possono essere i più disparati ed ognuno vede Apple a suo modo. Steve Jobs è stato molto bravo a dare negli anni un’identità all’azienda, vista da sempre come l’anti-omologazione (in molti ricorderanno le prime battaglie tra Apple e IBM), come un brand creativo dedicato a chi vuole diversificarsi dalla massa portando avanti le proprie idee (e qui vengono in mente i famosi poster pubblicitari raffiguranti personaggi famosi e il noto slogan Think Different).

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=nmwXdGm89Tk’]

I Fan Apple vogliono confrontarsi tra loro, parlare della loro personale esperienza di utilizzo di iPhone, iPad, Mac, ecc. Per questo ogni qualvolta Apple si appresta a commercializzare un nuovo prodotto si crea la ormai nota fila di fronte al negozio, questa “follia” del mettersi in fila molte ore prima dell’apertura di uno Store non ha come unico scopo quello del mero acquisto del dispositivo, ma permette soprattutto alle persone di condividere la propria passione con altri estimatori di questo marchio”.

Il blog spazia dalle notizie più recenti riguardo la casa di Cupertino alle guide per il jailbreak e per Cydia: in sostanza ogni giorno hai a che fare con sviluppatori, geek o semplici curiosi. Sai indicarci gli argomenti più “hot” per i lettori?

“Solitamente gli argomenti Hot sono ciclici, ovvero ci sono dei periodi in cui è molto seguito l’argomento “Sistema Operativo” perchè apple si appresta ad annunciare la nuova versione (come accaduto in questi giorni), oppure l’arrivo di un nuovo modello di iPhone o iPad e ancora, come ricordavi tu, il “Jailbreak”, ovvero lo sblocco del sistema operativo. Diciamo che a seconda dei periodi ci sono argomenti Hot.

Per fare un esempio pratico si potrebbe dire che l’estate è il periodo dei Rumor sul nuovo modello di iPhone che viene solitamente presentato tra Luglio e Settembre, il periodo natalizio spesso ha portato invece a parlare della nuova generazione di iPad in arrivo per Febbraio o Marzo oppure la primavera lascia spazio alle possibili novità che Apple potrebbe presentare al famoso WWDC annuale, ovvero la conferenza dedicata agli sviluppatori che quest’anno si è tenuta il 10 giugno”.

Quali sono secondo te i punti di forza di Apple che ne hanno fatto un’azienda vincente anche nel settore dei “device di piccola taglia”, appunto tablet e smartphone?

“Apple è riuscita a progettare dispositivi mobili che, prima di tutto, montano un sistema operativo semplice da utilizzare anche per quelli che non hanno esperienza con questo genere di prodotti, ed inoltre permette di svolgere delle operazioni che in passato erano possibili, appunto, solo con un computer.

Molti smartphone e tablet di diverse aziende sono ormai sullo stesso livello e permettono di inviare mail, navigare sul web o scattare foto e girare video ma è proprio la semplicità di utilizzo di un prodotto Apple a fare la differenza, assieme all’ecosistema perfetto che si viene a creare tra i vari iPod, iPad, iPhone e Mac. Inoltre i clienti apprezzano il design curato dei prodotti e la scelta di materiali di qualità. Questo è il mix che a mio avviso ha permesso ad Apple di divenire un’azienda vincente anche nel campo dei “device di piccola taglia”.

Da non dimenticare anche l’incredibile abilità di Steve Jobs nel presentare e “vendere” questi prodotti iniziando proprio dalla presentazione in pompa magna di ogni nuovo nato.

N.d.A. Qui di seguito un video divertente del 2007: è la presentazione del nuovo iPhone e Steve Jobs fa uno scherzo telefonico in diretta a Starbucks

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=4SaBjMHtQqo’]

Un esempio su tutti mi viene in mente pensando ai Tablet, tipologia di prodotto esistente da oltre una decina d’anni. Quando Jobs presentò nel 2010 il primo modello di iPad disse che era “magico’” e che non avremmo più potuto vivere senza, ne mostrò le caratteristiche e le funzioni principali davanti ad una platea scettica ma allo stesso tempo desiderosa di provare il dispositivo.

Questa presentazione ebbe un grandissimo impatto mediatico che ha portato la gente a considerare l’iPad un sinonimo di Tablet (in quanti hanno sentito definire ‘iPod’ anche i lettori Mp3 di altre marche?), ritenendolo capostipite dell’intera categoria, come se questo genere di prodotti fosse nato proprio quel 27 Gennaio del 2010″.

Pensi sia l’ora di radicali cambiamenti per Apple nel settore del Mobile dove la competizione con Android è sempre più agguerrita?

“La battaglia tra Apple e Google (sviluppatore del sistema operativo Open Source Android) è solo l’ultima in ordine di tempo. Prima di Google ci sono stati (ed alcuni ci sono ancora) gli scontri con Microsoft per i Computer, Philips o Creative per i lettori Mp3, Nokia per i dispositivi mobile (attualmente Samsung e HTC).

Ogni volta che si è sentita pressata dalla concorrenza Apple ha richiamato a sé l’attenzione mediatica presentando qualcosa in grado di stupire gli appassionati di tecnologia e riprendere il controllo della situazione e la leadership acquisita in precedenza. Di recente l’azienda ha presentato il nuovo iOS 7, disponibile per iPhone, iPad ed iPod Touch di ultima generazione, rivoluzionando completamente l’interfaccia utente ed inserendo nuove utili funzioni.

Nell’ultimo periodo la critica che spesso viene fatta all’azienda di Cupertino è quella di essersi fermata, lasciandosi raggiungere dalla concorrenza. Credo che il cambiamento radicale di iOS 7 sia il primo passo per dimostrare di non essere un’azienda che si sta adagiando sugli allori e che, anzi, punta ancora una volta ad innovare e proporre cose nuove. In molti attendono sostanziali novità per quanto riguarda il prossimo iPad o il prossimo fantomatico iPhone.

In generale, quali sono secondo te i trend del Mobile più interessanti per gli sviluppatori di applicazioni? E per il mondo del marketing?

Ogni giorno vengono pubblicate in App Store migliaia di App e quelle che a mio avviso vanno per la maggiore al momento sono i social network ed i giochi. Oltre Facebook, Twitter ed Instagram, ogni giorno vengono creati nuovi modi per condividere qualsiasi cosa con gli altri, partendo da musica, fino ad arrivare a luoghi visitati, scarpe acquistate, ecc.

Poi come dicevo ci sono i giochi, una categoria in cui ognuno cerca la sua piccola nicchia di mercato ispirandosi ai famosi Angry Birds, Fruit Ninja o Doodle Jump, giochi che hanno avuto un successo planetario facendo la fortuna delle aziende che li hanno sviluppati. Pubblicizzare la propria App non è facile, bisogna trovare il giusto Mix di visibilità e mostrarsi al pubblico giusto.

Le prime tre domande da porsi sono sempre le stesse: “cosa voglio comunicare?”, “a chi lo voglio comunicare?” e “con quale mezzo”. In questo modo eviteremo di spendere risorse economiche per trasmettere un messaggio giusto al target sbagliato o scegliendo un canale di comunicazione che non raggiunge il nostro target (il che equivale a pubblicizzare automobili su una rivista di cucina)”.

 

Ringraziando Daniele per la chiacchierata, vi invitiamo a seguire l’appuntamento con iSpazio per le NM Answers sul mondo Apple!