Google Project Loon: palloni e follia contro il digital-divide

Grazie a una rete di palloni aerostatici Google si propone di abbattere il digital-divide: scopriamo la "pazza" idea di Big G!

Google Project Loon: palloni e follia contro il digital-divide

L’atlante raffigura anche città di cui né Marco né i geografi sanno se ci sono e dove sono, ma che non potevano mancare tra le forme di città possibili.

Google Project Loon ha richiamato alla mia mente “Le città invisibili” di Italo Calvino. In questo libro i dialoghi tra Marco Polo e il Gran Kan portano alla luce svariate e inimmaginabili città che simboleggiano il caos della realtà e le parole dell’esploratore diventano il tentativo di dare ordine al disordine.

L’obiettivo del progetto è quello di portare Internet anche nelle zone più impervie, rurali e inesplorate dell’atlante. Internet nasce come rete di connessione mondiale, ma in realtà per alcune aree è inaccessibile a causa di problematiche economiche o di collocazione geografica.

La soluzione c’è ed molto più romantica di una connessione cablata: una  rete di palloni che fluttuano nell’aere porterà il WiFi nei posti più nascosti del mondo.

La tecnologia è ancora in fase di sperimentazione e se tutte le funzionalità saranno verificate, questo progetto rivoluzionerà il modo di connettersi a Internet.

Google Project Loon: palloni e follia contro il digital-divide

Tecnologia

Il nome del progetto racchiude in sé la mission e la tecnologia utilizzata: loon. Ovvero un progetto “folle” che utilizza i “balloon” per abbattere il digital-divide.

Stratosfera
Google Project Loon si basa su un network di palloni che galleggiano a  20 km dalla superficie terrestre e grazie al vento vengono trasportati per tutto il globo. Una speciale antenna collocata nella abitazioni consente di  connettersi a questa rete di palloni.

Com’è fatto un pallone?
Ogni pallone  misura 15 m di diametro, 12 m di altezza e 0,077 mm di spessore. Al suo interno contiene una batteria a energia solare, dei sensori di controllo dell’altitudine e un computer per il controllo da remoto.

Controllo da remoto
Speciali algoritimi e software consentono a Google di controllare e gestire la posizione e il volo dei palloni. Il lancio del pallone è seguito da un team di 6 persone:  un comandante e un gruppo di coordinamento

Velocità e copertura
La velocità di connessione è paragonabile a quella di una rete 3G e ciascun pallone è in grado di coprire un’area di 40 km.

Sperimentazione

L’area scelta per la sperimentazione è la Nuova Zelanda dove montagne, deserti e foreste rappresentano il contesto ideale per testare e perfezionare la tecnologia. La prima persona al mondo a connettersi a Internet tramite un pallone aerostatico è stata l’imprenditore Charles Nimmo di Leeston.

Google consente ai cittadini neozelandesi di candidarsi come tester sul sito di Google Project Loon.

Ecco il video che presenta il progetto.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?