John McAfee è tornato per svelarci come disinstallare il suo antivirus [VIDEO]

Quando la brand reputation la mette a rischio il fondatore.

Ogni azienda ha nel suo CEO e/o fondatore un guida, un rappresentante, un simbolo. Il rapporto è ancora più viscerale quando parliamo di aziende del settore tech, in cui l’immagine concettuale del programmatore squattrinato e visionario che progetta software nel garage di casa o nella stanza del campus regna sovrana.

Non a caso, tutti conoscono i nomi di Zuckerberg, Dorsey, Bezos, mentre si ignora l’identità dei CEO di tantissime altre aziende. Una bella fetta della brand image dipende, soprattutto in questi contesti, da immagine e reputazione del fondatore. E poi arriva John McAfee.

Che dopo aver fondato 25 anni fa una delle compagnie più conosciute nel campo degli antivirus informatici, e dopo parecchia acqua torbida passata sotto i ponti negli ultimi anni, ha rilasciato su YouTube un video dal nome “How To Uninstall McAfee Antivirus“.

McAfee ha effettivamente lasciato la compagnia 15 anni fa dopo averla venduta, ma inevitabilmente le sue vicende personali continuano ad essere associate all’azienda che porta il suo stesso nome, e che ora l’uomo scredita leggendo una ad una pesanti critiche (vere o presunte) di infuriati utenti e sostendendo che da quando l’ha lasciata l’azienda è diventata, parafrasando, un’enorme burla.

Vestendo i panni di un giocherellone stile Hugh Hefner e circondandosi di giovani ragazze che definisce “cose più urgenti a cui pensare”. Tra cui le armi e la cocaina che si guadagnano il primo piano nella seconda parte del video, simulacri di una storia personale (di cui sarete a conoscenza, ma in caso vi servisse un ripassino ecco il link a Wikipedia) non proprio claustrale e su cui McAfee cerca ora di ironizzare.

Certo, come abbiamo già detto l’azienda non ha più nulla a che fare con il suo fondatore, il quale tuttavia muove critiche pesanti anche se in vesti grottesche e kitsch. Raggiungendo al minimo i due milioni e mezzo di utenti che hanno visionato il video su Youtube in soli 3 giorni.

E come dovrebbe reagire un brand quando è il suo stesso fondatore a colpirlo? Voi prevedte qualche reazione?

Update 25/6/2013

Pubblichiamo lo statement ufficiale di Chris Palm, Director, Corporate Communications di McAfee.

“While we take any attack on our products seriously, these ludicrous statements have no basis in reality. We continue to focus on what matters—our customers.” (Mentre prendiamo davvero molto sul serio ogni attacco ai nostri prodotti, queste ridicole affermazioni non hanno nessuna corrispondenza nella realtà. Continuiamo a focalizzarci su ciò che conta, i nostri clienti)

Ringraziamo Benedetta Campana dell’ufficio stampa di McAfee Italia per la segnalazione.