Alla scoperta del Digital Content Marketing con Francesco Gavatorta ed Alberto Maestri! [INTERVISTA]

Come raccontare il tuo brand in un contesto cross-mediale? Qual è la formula per interagire e risuonare emozionalmente con il pubblico di riferimento?

Ve lo abbiamo già presentato nel post introduttivo, e siamo impazienti di darvi il via. Parliamo del nostro Corso Online in Digital Content Marketing (con SCONTO Early Booking fino al 24 giugno!), un avvincente percorso formativo di 10 ore che vi porterà alla scoperta del marketing dei contenuti e dell’esperienza.

Perché, cari Ninja, Content is King: la centralità dei contenuti in una strategia di marketing digitale è inopinabile. Sapere come realizzare contenuti efficaci che sappiano parlare a mente e cuore del proprio pubblico di riferimento, adottare un piano di pubblicazione efficace, saper gestire la narrazione di un brand, sono priorità per ogni guerriero del marketing e della comunicazione che voglia fare un impatto nell’ecosistema del web 3.0.

Aspettando il 1° Luglio, giorno dell’inizio del corso, sono riuscita a strappare qualche anticipazione ai nostri docenti Alberto Maestri e Francesco Gavatorta, entrambi autori del libro “Digital Content Marketing: Storytelling, Strategia, Engagement”. Di seguito la nostra intervista, buona lettura!

Franscesco Gavatorta | Alberto Maestri

Ciao Francesco, ciao Alberto! Potreste darci qualche anticipazione sulle tematiche che approfondirete durante il corso? Presenterete qualche case history?

Ciao Federica e tutti i Ninja lettori! Il corso tratta di un tema, quello del Digital Content Marketing, che a ben pensarci è lo sviluppo di un paradigma da sempre presente nella pratica aziendale. Da sempre siamo abituati infatti a ricevere e ‘consumare’ contenuti come le pubblicazioni aziendali. Oppure e più nello specifico, pensiamo ai report cartacei prodotti dalle società di consulenza e inviati a tutti i clienti più rilevanti. Anche se tangibili si tratta pur sempre di contenuti, e in tal senso il Social Web ha introdotto due importanti elementi di innovazione in relazione all’argomento. Da un lato, la rete ha facilitato i processi di fruizione e diffusione di questi contenuti, che online diventano digital contents. Secondariamente, il web ha reso accessibile agli utenti la consultazione di una grande quantità di informazioni e notizie, diventando di fatto un’arena di confronto e interscambio tra marche e persone. Durante il Ninja Corso Online affronteremo diversi temi: esploreremo per esempio meglio il paradigma del Digital Content Marketing dalla duplice prospettiva strategica e narrativa, e capiremo in che modo è possibile progettare un’efficace strategia online di marketing dei contenuti. E di certo le case history italiane e internazionali non mancheranno! 😉

Grazie ragazzi. Come ben sapete, in questi giorni siamo on air con il Corso Online in SEO, attraverso il quale i nostri Ninja stanno apprendendo le tecniche e strategie per un posizionamento efficace sul web. Quindi, sono curiosa di chiedervi se la SEO ed il Digital Content Marketing siano due facce della stessa medaglia.

Assolutamente sì! Uno degli obiettivi che le aziende cercano di raggiungere attraverso strategie di Digital Content Marketing è proprio il posizionamento, inteso in due accezioni fortemente interconnesse. Da un lato esiste il posizionamento nella mente delle persone: un’azienda produce e distribuisce contenuti dedicati a uno specifico tema proprio per essere percepita come esperta di quel topic. D’altra parte, parlando di web, questo posizionamento si declina anche sui motori di ricerca: producendo i giusti contenuti in modo costante e su temi specifici, le conseguenze positive in termini di ottimizzazione sui motori di ricerca diventano presto evidenti.

I vantaggi indiretti provenienti da entrambe le prospettive si riassumono nell’aumento delle vendite: se un utente mi trova subito e fruisce di contenuti che gli fanno percepire la mia expertise, molto probabilmente preferirà il mio brand e la mia offerta a quello dei competitor.

Passiamo ad un altro tema. Sappiamo che per alimentare l’engagement è fondamentale creare momenti esperienziali di valore per gli utenti. Come utilizzare lo storytelling in tale ambito?

Lo Storytelling – e in generale la narrazione, è alla base della costruzione di contenuto. Questo perché prima di tutto ogni forma di racconto che facciamo è frutto dell’esperienza, intesa come insieme del vissuto quotidiano di ognuno. Pensate a quanto influisce ciò che si vive ad esempio su chi scrive un romanzo, o su chi si trova a sviluppare un concept per una webseries: e lo stesso avviene per le altre forme di narrazione.

Nelle dinamiche in cui i brand si trovano a dialogare con i consumatori, è necessario valorizzare l’esperienza generata dal consumo, intesa su due livelli: quella “prevista” dal produttore, che appunto ti proietta in un mondo dove il prodotto migliora letteralmente la vita, e quella “reale” del consumatore, che effettivamente può restituire in forme concrete e reali la sua soddisfazione. Stessa cosa con i brand stessi, diventati ormai non soltanto erogatori di beni e servizi ma veri e propri hub esperienziali.

Un appunto sui “DO NOT”. Tre errori assolutamente da evitare in una strategia di contenuto digitale?

Ce ne sarebbero tanti 😉

Il primo è sicuramente pensare che le strategie di Content Marketing sono impostabili esclusivamente da realtà B2C. In verità sono proprio le aziende B2B ad avere più ‘bisogno’ di produrre e diffondere contenuti, e il Social Web offre in tal senso possibilità infinite. Questo perché il prodotto B2B ha maggiore necessità di essere raccontato, per allargare il mercato deve aumentare il proprio appeal nei confronti dell’utente. E così molte aziende, soprattutto statunitensi, aprono blog, creano infografiche, organizzano white paper dedicati a temi lontani dal senso comune: stampanti piuttosto che piscine, per esempio.

Il secondo è pensare che per progetti efficaci di marketing dei contenuti serva un budget importante: dipende dal tipo di contenuto! Se infatti per produrre infografiche, white paper, e-book, webinar, siti web innovativi probabilmente l’investimento richiesto all’azienda è elevato sia in termini di risorse umane che di budget, esistono diverse altre soluzioni contenutistiche meno impegnative che possono rivelarsi ottime alternative o almeno un efficace punto di inizio nel percorso verso la content excellence!

Last but not least, è un errore pensare che fare azioni di Digital Content Marketing sia qualcosa di facile. In realtà alla base del paradigma c’è un profondo cambio culturale e di vision da parte delle aziende, che devono scegliere volontariamente di perdere parte del proprio controllo al fine di impostare una nuova logica di rapporto con la propria audience.

Interessante spunto riguardo il B2B ed il B2C. Qual è la più grande differenza nel  produrre contenuti tra i due contesti?

Oltre a quello che dicevamo sopra, sicuramente la creatività. Per riuscire a creare contenuti di valore, coinvolgenti e interessanti legati a un prodotto B2B serve probabilmente uno sforzo creativo maggiore. È necessario trovare una prospettiva vincente ed effettivamente interessante per l’utente finale, magari sfruttando la coda lunga.

Ultima domanda prima di lasciarvi andare. Un flash sul futuro: quali saranno gli sviluppi dei contenuti sulle piattaforme social?

Vi confidiamo una cosa: questo è un tema che ci affascina molto, tanto che stiamo lavorando a un nuovo progetto editoriale (che speriamo veda la luce fra pochissimo! Nell’analizzare le strategie di Digital Content Marketing ci siamo resi conto che la vera ricchezza dei Social Network non sta solo nei tool integrati nelle piattaforme, ma piuttosto negli utenti che le abitano: una conclusione forse banale, ma che può aprire scenari radicalmente inediti anche lato business.

Il futuro è sicuramente nel contenuto che riempie questi ambienti, e di chi li produce. Presto questi stessi contenuti (anzi, è già così!) chiederanno di uscire dai Social Network per ibridizzarsi sotto altre forme – pensate a cosa capita quando guardate un programma televisivo e contemporaneamente twittate i vostri commenti – e in altri canali: e gli autori, necessariamente, capiranno di sviluppare un valore e si comporteranno di conseguenza. Ma non ci dilunghiamo oltre: vi aspettiamo al Ninja Corso Online in Digital Content Marketing! 😉

SCONTO EARLY BOOKING

ENTRO LUNEDI 24 GIUGNO

Knowledge for Change.
Be Ninja!

Digital Content Marketing