L'esperienza di Second Life al Rethinking Educational Ethnography [EVENTO]

Ivonne Citarella presenterà a Napoli i risultati della ricerca sugli aspetti professionali e sulle dinamiche sociali che si sviluppano in Second Life

Di Ivonne Citarella – Sociologa e Second Lifer

Il 6 e 7 giugno a Napoli si svolgerà la terza edizione di Rethinking Educational Ethnography, organizzato dall’Istituto di Ricerca sulla Popolazione e le Politiche sociali del Consiglio Nazionale delle Ricerche Italia (IRPPS-CNR) e dalla Associazione Italiana di Sociologia (AIS-EDU), presso l’Università di Napoli Federico II in collaborazione con EERA Network 19.

Questa  terza edizione, vedrà la partecipazione di illustri etnografi impegnati in diversi campi della ricerca etnografica, non solo nel campo dell’istruzione ma in differenti discipline (antropologia, sociologia, ecc…) allo scopo di presentare e discutere le sfide della ricerca sulle comunità on-line e sulle sue interazioni con l’etnografia, attraverso la promozione di opportunità e di scambi a livello epistemologico, metodologico e teorico.

Nell’ambito della conferenza presenterò il mio contributo intitolato Second Life : a learning community nel quale esporrò i risultati della mia indagine condotta inworld parte dei quali già pubblicati nel  libro da me curato intitolato Second Life: tra opportunità professionali, gioco e formazione (Scriptaweb, 2011) e in parte raccolti nel corso di questi ultimi due anni.

Nella mia presentazione metterò in evidenza due aspetti molto importanti: quello professionale che si sviluppa in Second Life e quello legato legate alle dinamiche sociali che in esso si attivano.

Per chi non ha mai vissuto l’esperienza in Second Life diventa arduo riuscire ad immaginare il mondo professionale in esso presente, ed è per questo motivo che ho pensato di procedere ad una tassonomia delle stesse, sempre naturalmente con riferimento a quelle rilevate dalla mia indagine e raggruppandole in cinque Aree Professionali (Manageriali, Intellettuali, Tecniche, Relazionali/ Comunicazionali, Commerciali, Artistiche).

Inoltre, in  Second Life ho istituito l’IPAP nella Land di Pyramid Cafè, all’interno del progetto Solaris Experiences, che non solo raccoglie in Albi Professionali tutte le professioni da me individuate nel corso dell’indagine, ma anche le iscrizioni da parte di chi svolge una professione inworld. La raccolta ha un duplice scopo: rendere note le proprie competenze, un’opportunità quindi, per essere individuato e aggiornare in tempo reale  le professioni.

L’altro aspetto è quello legato alle dinamiche sociali che si attivano inworld. Il principio fondante presente in Second life è quello della “condivisione “ che promuove il “senso di comunità”, la riduzione delle competizioni negative, il superamento degli individualismi per il successo di un progetto comune.

Naturalmente, durante la mia presentazione porrò anche l’accento sugli aspetti negativi emersi durante l’indagine e per i quali spero ci si adoperi per il loro stesso superamento.

L’etnografia applicata al mondo virtuale di Second Life mi ha permesso di raccogliere una serie di dati che, una volta analizzati, hanno reso possibile  la comprensione delle dinamiche relazionali in essa attivate e scoprire il suo mondo professionale.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?