Antarctica trasforma le birre in biglietti della metro [VIDEO]

Guerrilla davvero interessante di Antarctica Beer in occasione del Carnevale di Rio de Janeiro

Rio de Janeiro, capitale del calcio, città del Cristo Redentore, di Copacabana e Ipanema, ma soprattutto città del Carnevale : il carnevale più famoso al mondo che trasforma la città in quattro giorni di “piacevole follia”, in una festa che non si ferma mai dove oltre alle parate a ritmo di Samba scorrono anche fiumi di alcol e birra.

Antarctica Beer, sponsor del carnevale da diversi anni, per l’edizione 2013 ha voluto soffermarsi sul tema del bere responsabilmente e sulla pericolosità di guidare in stato di ebbrezza attraverso un ambient davvero geniale. Come permettere ai clienti di potersi divertire e spostarsi per Rio senza guidare?

Usando i mezzi pubblici e trasformando le lattine di birra in veri e propri biglietti della metro. L’iniziativa chiamata “Beer Turnstile” è stata realizzata inserendo dei codici a barre sulle lattine di edizione limitata del Carnevale: passando la lattina sul lettore dei tornelli di ingresso della metropolitana si poteva usufruire gratuitamente dei servizi del Metrô Rio.

I risultati sono stati esaltanti: 1.000 ingressi all’ora in metro (circa l’86% in più degli ingressi standard) con il 43% in meno di consumatori di birra al volante. Le lattine sono state inoltre raccolte e riciclate correttamente per dare anche un’impronta green all’iniziativa che ha riscosso notevole successo anche on-line con recensioni e commenti positivi sulla social responsability del brand.

Il tema del consumo di alcol responsabile è sempre tenuto in considerazione dalle compagnie di Spirits che però spesso si limitano a comunicarlo a valle di spot, promo o affissioni. Antarctica ha affrontato il tema in un modo davvero originale e molto apprezzato da parte dei consumatori che ne hanno tratto un beneficio tangibile e ha provato a trasmettere in maniera non convenzionale e più emozionale il messaggio del “drink and don’t drive”

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?