Integrazione fra Pinterest e Facebook: qualche pratico suggerimento

Integrare due piattaforme non sempre è facile, ma con le potenzialità dei pin e la diffusione capillare di Facebook si possono ottenere ottimi risultati

L’idea di partenza era quella di stilare un bel decalogo per l’integrazione tra Facebook e Pinterest – due signori social – poi però l’attenzione generale si è spostata al “perché mai dovrei perder tempo a condividere le stesse cose, per decine di volte, se – personalmente – si è stufi di veder girare sempre gli stessi link?

Siate unici

Da questa bella riflessione vien fuori la prima intuizione: siate originali! Veder rimbalzare lo stesso contenuto come una pallina da ping pong colpita male tra decine e decine di pagine ha stancato tutti gli utenti.

Ricercare e/o produrre (eh sì, esiste anche qualcosa chiamata creazione originale) contenuti innovativi ed unici significa creare in automatico valore aggiunto che si traduce in un incentivo per gli utenti, che li stimola a seguirvi e a fidelizzarsi.

Cosa centra con Facebook e Pinterest? Semplice: Pinterest è il nuovo ricettacolo dell’originalità, i suoi 14 milioni di utenti generano e condividono quantità ingenti di immagini che diventano un veicolo di creatività e di originalità (e anche di traffico verso la vostra brandpage) da non sottovalutare.

Quindi, ricapitolando: se farete un’accurata cernita delle immagini prese dal flusso di pins sulla piattaforma e le accoppierete a post di qualità otterrete considerevoli e piacevoli risultati.

Siate ordinati

Siate ordinati ed organizzati: altra intuizione derivante dall’uso pratico della piattaforma. Gli utenti che utilizzano la barra di ricerca sanno quello che stanno cercando? Spesso no.

E’ possibile che stiano cercando qualcosa di preciso ma non hanno idea di come sia stato salvato (cioè che hashtag o che descrizione la fonte abbia inserito nella descrizione del pin) o che semplicemente stiano ricercando per aree di interesse senza un interesse particolare.


Ad esempio, se siete un Ninja (ma lo concediamo anche ai comuni mortali ;-)) e cercate un’immagine da inserire in un articolo sarete sicuramente stanchi di Google Immagini, che non riesce mai a soddisfare quella voglia di trovare quello che fa scattare nel lettore il famoso “aww factor“.

Perchè non provate il “brivido” di cercare altrove? Nella barra di ricerca di Pinterest utilizzate (sia quando siete fonte che fruitore) hashtag semplici e chiari e denominate le board per interesse. Invece di utilizzare “Le cose che ci fanno ridere”, rinominate la vostra raccolta con un semplice “Humors”: la ricerca per gli utenti sarà più immediata e semplice, la fruizione un piacere!

Siate i primi

Ultima, ma non meno importante, questione è quella di essere sempre sul pezzo: ovvero, siate i primi e i più veloci. “Ma come si fa?” Niente formula magica, siamo spiacenti. Solo pochi consigli: ricercate, appuntate e ascoltate. Tutto qui? Tutto qui. La pratica rende perfetti, si sa.

Qualche tecnica pratica di integrazione tra Pinterest e Facebook? Per prima cosa, vi rimandiamo all’utilissimo post di MySocialWeb per un’integrazione tecnica delle due piattaforme tramite Woobox. Poi vi diciamo che:

  • per stimolare l’integrazione e l’interesse degli utenti utilizzate contest, give-away e simili: qualche premio fa sempre gola 😉
  • pinnare direttamente da Facebook: esiste questa funzione, usatela;
  • parola d’ordine è promozione incrociata: promuovere un evento, un concorso, un prodotto direttamente da una tab di Facebook che rimanda alla creazione di una board su Pinterest o a votare tramite pin. Più semplice di così!

Per saperne di più ecco un’utile fonte, citata direttamente dal blog di Pinterest America qualche settimana fa, che illustra nel dettaglio quello che abbiamo fin qui raccontato. Naturalmente (come sempre!) aspettiamo le vostre di riflessioni su questo argomento :)