Google I/O 2013: tutte le novità annunciate [BREAKING NEWS]

Un app Hangouts, un Samsung Galaxy S4 Google Edition, un servizio di musica su Play Store e molto ancora...

In questo momento a  San Francisco si tiene il convegno per sviluppatori più atteso dell’anno: Google I/O, dal 15 al 17 maggio.

Vi proponiamo tutte le novità annunciate durante l’evento, a partire da quelle che la stessa Google ha rivelato dal palco dell’evento. Se volete vedere il video del keynote (ovvero 4 ore di convegno!), ve lo riportiamo qui di seguito; altrimenti, se volete soddisfare subito la vostra curiosità, leggete il nostro riassunto più sotto :)

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=9pmPa_KxsAM’]

Google annuncia 900 milioni di attivazioni Android, 48 miliardi di applicazioni scaricate

– ci sono stati più di 900 milioni di attivazioni Android in totale

– 48 miliardi di applicazioni sono state scaricate su Android (e pensate che proprio ieri Apple ha festeggiato la cifra di 50 miliardi di app scaricate!)

– 2,5 miliardi di applicazioni sono installate ogni mese

Le prime novità sono pertanto ovviamente rivolte al mondo degli sviluppatori e riguardano Google Play Store, lato developer.

Android Translation Service per gli sviluppatori

Un servizio che permette di ottenere traduzioni professionali in pochi istanti: sarà sufficiente inviare la propria traduzione e, nel giro di una settimana, sarà disponibile per essere inserita all’interno dell’applicazione. Inoltre Google offrirà ai developers sostegno per la promozione, informazioni più dettagliate e interfaccia semplificata e automatizzata

Per gli sviluppatori ora la possibilità di Alpha Testing, Beta testing e stage rollout

Una nuova funzionalità per gli sviluppatori faciliterà l’alpha testing sulle loro applicazioni: la funzione consente agli sviluppatori di scegliere una percentuale di utenti che otterranno un aggiornamento, in modalità  Alpha Test, prima di inviarlo al resto degli utenti

Google Play Game Service

Con un nuovo set di API per gli sviluppatori che programmano in ambito videoludico, Google cerca di impressionare la platea di San Francisco: Google Play Game è una cross-platform (e non android esclusive, ma sarà anche su iOS) che ha tra le funzionalità Cloud Saveche permette di caricare i propri salvataggi su piattaforma cloud, sincronizzarli fra i diversi dispositivi posseduti e recuperarli in caso di smarrimento, furto o cancellazione dei dati.

Altre funzionalità: gli Achievement, ovvero gli obiettivi da sbloccare al raggiungimento di un determinato punteggio o omissione; Leaderboards che permetterà di confrontare i propri risultati con quelli degli altri giocatori, a livello mondiale oppure restringendo il campo alle cerchie del social network Google+.

Ma la vera novità è che Google Play Game Services è anche multiplayerè possibile in tempo reale aggiungere gamer sui dispositivi Android. Utilizzando Google Plus, potranno essere disputate partite con fino a quattro amici contemporaneamente e, con particolari strategie, sarà possibile far giocare anche altri, pure quando la partita è già iniziata.

A proposito un momento della conferenza che passerà alla storia: quando Google ha invitato i presenti in sala a connettersi per giocare, beh, il sistema non ha retto e la dimostrazione è fallita. Quando si dice “il bello della diretta”! Un epic fail che speriamo porti bene e non sia un cattivo presagio!

Android Studio: un IDE pensato solo per gli sviluppatori di Android

Un ambiente di sviluppo integrato, solo e soltanto per Android e che siamo certi che farà esclamare “OMG OMG OMG!” a tutti gli sviluppatori! In sostanza gli sviluppatori possono dire addio ad Eclipse e iniziare a sviluppare in un ambiente che non ha più necessità di appoggiarsi ad altre piattaforme come e soprattutto AWS, Amazon Web Service. Per questo motivo, le API fornite da Android Studio sono integrate con Cloud Platform di Google e gli sviluppatori hanno la possibilità di provare le interfacce-utente delle applicazioni su differenti dispositivi emulati direttamente dall’IDE Android.

Nuove API di geolocalizzazione per gli sviluppatori

– Fused Location Provider ottimizza la velocità e la precisione di rilevamento del GPS, mantenendo comunque bassi i consumi energetici

– Geofencing permette che l’app esegua o meno determinate operazioni in base all’area geografica rilevata;

– Activity Recognition, in grado di riconoscere il nostro movimento senza ricorrere al GPS e di stabilire, tramite alcuni sensori come l’accelerometro, se siamo in macchina, a piedi o in bicicletta.

Su Play Store arriva il 26 giugno un nuovo Samsung Galaxy S4 per una completa Google Experience

FEcco l’annuncio della versione firmata Google del Samsung Galaxy S4: supporto LTE, 16GB di memoria. In vendita sbloccato a partire da 649 dollari, ma solo negli Stati Uniti, ahinoi!

Google Music All Access: un nuovo servizio di musica in streaming

Il servizio, che sembra intenzionato a fare le scarpe a Spotify, avrà un costo di 9,99 dollari al mese, o 7,99 dollari se si prende un abbonamento entro il 30 giugno. Vi è anche un periodo di prova gratuito di 30 giorni

Le canzoni saranno aggiornati secondo i gusti e le preferenze dell’utente, e le canzoni possono essere rimossi dalla playlist con un semplice swape.

Google Play for Education

Uno store con app dedicate solo all’istruzione e ai più piccoli, ordinate per età e per genere, I contenuti per studenti e insegnanti saranno selezionati dalla società sulla base di alcuni standard. La nuova iniziativa sarà attiva prima dell’inizio del nuovo anno scolastico.

Google ha dato un Chromebook gratis a tutti i partecipanti all’evento

I presenti al Keynote hanno ricevuto un Chromebook Pixel (che monta un Intel Core i5 Ivy Bridge, 4 Gb di RAM DDR3, 32 GB SSD e ha 1 TB di cloud storage su Google Drive). Già, avremmo voluto tutti essere al posto loro…

Annunciate 41 nuove features per Google+, incluso lo stream molto simile a quello di Pinterest

Le novità principali riguardano lo stream, gli hangout e la sezione foto.

Stream: il flusso è basato su un design a più colonne, con la possibilità di tornare alla modalità precedente (singola colonna);

Foto: una delle nuove funzionalità vi permetterà di cliccare sulle immagini per capovolgerle e mostrare le foto correlate con lo stesso hashtag. Presentati anche una serie di strumenti di fotoritocco (derivanti dall’acquisizione di Snapseed) e aggiunta di effetti.

[yframe url=’http://www.youtube.com/embed/PmQ-d71GdPc’]

Auto Backup: le foto vengono salvate automaticamente;

Auto Highlight: seleziona le migliori foto tra tutti gli album (in base a dei fattori quali il sorriso, la messa a fuoco, i duplicati);

Auto Enhance: ritocca le foto rendendole più belle;

Auto Awesome: per combinare le foto (utile per creare delle gif animate).

Inoltre ci sono l’elaborazione HDR e la funzione automatica per le foto panoramiche.

Google Hangout

Servizio di messaggistica istantanea che va a sostituire i precedenti Google Voice, Goole Talk e gli Hangout di Google+.

La nuova applicazione stand-alone sarà multipiattaforma(iOS, Android, Chrome, desktop) e supporterà le conversazioni di gruppo, l’invio di file ad alta qualità, la sincronizzazione account tra i vari device, le videochiamate.

Anteprima della nuova versione di Google Maps per iOS e Android

La nuova versione per i dispositivi mobile darà la situazione in tempo reale del traffico e consigli per le alternative. E potrebbe anche “apprendere” dal vostro comportamento e dai vostri viaggi, consigliandovi dei luoghi.

Anche la versione desktop ha ricevuto un sostanzioso aggiornamento: personalizzazione per ogni utente, raccolta di immagini da Google Earth e Street View per avere tutto in un unico luogo. Chrome sarà pronto per queste novità mentre versioni vecchie di Firefox e Safari potrebbero non supportarle.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?