Un nuovo tipo di condom? 100,000$ offerti da Bill Gates

Un incentivo per una nuova tecnologia a favore del benessere e della salute globale

Alessia Di Raimondo

Sub-Editor Sezione Startup

L’innovazione dilaga. Le nuove tecnologie prendono il sopravvento quotidianamente e spazzano via prodotti a cui non facciamo in tempo ad abituarci che già diventano “vintage”, ma qualcosa è pressoché rimasto invariato da anni: il condom.

Uomini e donne ne fanno largo uso, 750 milioni di persone stimate nel mondo. Alcuni lamentano il suo utilizzo forzato perchè ritengono possa ridurre il piacere nell’intimità; alcuni lo ritengono scomodo; altri anti-estetico; alcuni possono perdersi nelle condomerie alla ricerca delle varianti più originali per la serie “famolo strano”; e poi ci sono i “condom-fobici” che lo vorrebbero fortificato perchè temono l’incidente di percorso.

Chi più ne ha, più ne metta, insomma, ma resta il fatto che il condom, soprattutto nell’ultimo secolo, non è cambiato granché. La Durex ci prova, rimane l’azienda più innovativa al riguardo con il lancio sul mercato di sempre nuovi prodotti accessori, ma dovrebbe concentrarsi di più sul core product.

Chi lo dice? Nientemeno che Bill Gates.
Attraverso la Bill & Melinda Gates Foundation il magnate americano fa un appello all’innovazione sul campo offrendo addirittura 100,000 dollari USA di finanziamento iniziale a chi inventerà la futura generazione di condom. Ma non finisce qui; un altro milione di dollari verrà stanziato come successivo finanziamento per la fase più avanzata di sviluppo ed implementazione del nuovo prodotto.

Quali sono le esigenze a cui dovrebbe andare incontro il nuovo prodotto?

Tenendo bene a mente qual è lo scopo dell’utilizzo del preservativo – proteggere dalle malattie a trasmissione sessuale ed evitare gravidanze indesiderate con il conseguente rischio di pratiche di aborto – la Fondazione ha chiarito quali esigenze dovrebbe soddisfare la nuova tecnologia da studiare.

Dal punto di vista maschile, il nuovo condom dovrebbe risolvere il dilemma “lo uso o non lo uso?” spingendo tutti a farne – saggiamente – sempre utilizzo, sfatando il mito della riduzione di piacere sessuale legata all’uso del preservativo.
Concretamente, in una logica di benessere e salute globale, il nuovo condom dovrebbe incentivare gli uomini al suo utilizzo accrescendo le sensazioni positive provate.

Dal punto di vista femminile, il condom pensato ad oggi per Lei è ritenuto scomodo da utilizzare e più caro dell’equivalente maschile, pertanto il nuovo preservativo femminile dovrebbe essere più economico e pratico.

Il Bando della Fondazione Bill & Melinda Gates

La Fondazione, che è impegnata nel sociale a 360° cercando di mantenere un costante impegno nella lotta all’AIDS, la piaga della scarsità di cibo ed acqua, la carenza di vaccini per le popolazioni più povere, ecc., accetterà progetti che riportano ipotesi che possano essere testate, supportate da un piano indicante le modalità per testarle o validarle e dati comprovati sul rendimento.

Tutti i progetti che proporanno una soluzione troppo cara per favorire l’uso su larga scala del nuovo condom, oppure non raggiungeranno i due primari obiettivi della protezione dalle malattie e dalle gravidanze indesiderate, non saranno neanche presi in considerazione.

Per avere tutte le informazioni sul Bando ed i contatti per inviare le proposte accedete alla pagina della Fondazione da qui.

Guardate anche qui.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?