Centinaia di Polaroid diventano un video musicale [VIDEO]

Una storia d??amore raccontata con centinaia Polaroid in sequenza per il videoclip di ??Dear Someone?

Prendi il modo più divertente, vintage e “so 90’s” di fare foto, una tecnica video ampiamente in voga, una New York ingiallita dalle foglie d’autunno ed hai tutti gli strumenti per raccontare un’intrigante lovestory e trasformarla nel video del nuovo pezzo indie di Walker Lukens: “Dear Someone”

Il cantante Statunitense ha collaborato con il team di “The Impossible Project” per la realizzazione del videoclip dell’estratto dall’ultimo album “Devoted” e ha scelto il regista Tetsuo Kamata per dirigere le riprese: si tratta di un video girato in stop- motion con centinaia di Polaroid che raccontano la storia controversa di una relazione tra due amanti.

La canzone si adagia perfettamente sui tratti autunnali di New York e sembra dettare il tempo ai movimenti dei fotoframe che si muovono nel fluire del video. I colori e le ambientazioni sono scelte con cura per fornire un’incantevole sfondo per questa ballata indie.

Lukens sceglie quindi lo stop-motion, seguendo una tendenza probabilmente battezzata da Oren Lavie nel video della cliccatissima e elegantissima “Her morning glory” e sempre più utilizzata dai gruppi emergenti per la realizzazione dei loro video: è il caso dei Black Books con il video di Favourite Place selezionata da Vimeo come “Staff Pick”

I due esempi citati hanno ottenuto risultati notevoli in termini di visibilità e rumors rispettivamente con 24mio e 30k visualizzazioni. Un po’ quello che si augura anche l’emergente Walker Lukens che dopo svariati viaggi in Europa e aver girovagato per gli States con chitarra in mano e loop station, fotografando ovunque andasse il suo Louis (la statua-leone che compare svariate volte nel video), ha deciso di utilizzare polaroid in stop motion per il video del nuovo pezzo appena registrato.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?